Istruzione,
l’Ocse ci bacchetta

settembre 9th, 2008

scuola.jpgA sentire quello che circola in questi giorni sulla scuola, si direbbe che l’Italia cerca di tirare la cinghia per spendere meno in formazione. Dall’Ocse invece arriva un allarme che va in un’alltra direzione: “Nel settore dell’istruzione secondaria l’Italia spende molto denaro. Paga però molti professori dando loro uno stipendio molto basso”. È questo almeno il commento di Andreas Schleicher, responsabile delle ricerche sull’istruzione dell’Ocse, parlando al margine dell’anteprima del rapporto annuale sull’istruzione tenutosi ieri a Londra.

Il problema insomma sarebbe un numero spropositato di insegnanti che come conseguenza deve accontentarsi di uno stipendio basso. Il rapporto inoltre sottolinea come sul fronte dell’università permangano i difetti storici: altissimo tasso d’abbandono negli atenei italiani – primo tra i paesi Ocse – e indici di spesa per studente universitario di molto al di sotto della media Ocse – circa un quarto.

“La spesa – secondo Schleicher – non è il difetto principale dell’Italia”. Che anzi, per quanto riguarda la scuola primaria investe più risorse della media Ocse – 6.835 dollari per alunno contro 6.252 dollari – mentre per la scuola secondaria è in linea con la spesa Ocse – 7.648 dollari contro 7.804. Il vero problema dell’Italia è invece “come vengono spesi” i fondi elargiti dallo Stato. “Esattamente il contrario – ha aggiunto Schleicher – di quanto fa, ad esempio, un paese come la Corea del Sud”. Dove, spiega, invece il numero dei professori è minore e il loro stipendio è più alto.

Ma per quanto riguarda l’università, la situazione è ben diversa. Se i paesi Ocse spendono 11.512 dollari per ogni studente, l’Italia ne investe solo 8.026. E se oggi, da un lato, solo il 19% dei 25-34enni italiani possono vantare un diploma di laurea – dato ben distante dal 33% della media Ocse – dall’altro il tasso di laurea dei nuovi studenti è passato dal 17% del 2000 al 39% del 2006. Un risultato importante che, sottolinea il rapporto Ocse, «va largamente attribuito alla riforma del 2002, quando agli studenti iscritti a corsi di laurea (pre riforma) è stata data la possibilità di concludere gli studi in tre anni». Ben pochi però arrivano a discutere la tesi: solo il 45% degli iscritti – a fronte di una media Ocse del 69%.

Non sorprende quindi che il divario tra laureati – circa il 13% – e detentori di lavori qualificati – oltre il 40% – sia tra i più alti dell’area Ocse. Se poi si guarda alla capacità di attrarre studenti stranieri l’Italia occupa un’area relativamente bassa della classifica. Se, infatti, gli Stati Uniti si confermano il paese che più attrae con il 20% delle preferenze – seguiti da Gran Bretagna, 11,3%, Germania, 8,9%, Francia, 8,5% e Australia, 6,3% – l’Italia si deve accontentare dell’1,7%. Come la Spagna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1