Il bando di Banca Apulia: spazio ai giovani

ottobre 9th, 2008

Nell’ambito di un progetto di rafforzamento e sviluppo degli organici degli uffici e della rete commerciale il gruppo bancario Banca Apulia ha lanciato un bando per la selezione e l’assunzione di nuovo personale. I posti di lavoro sono riservati a candidati residenti nelle province di Ascoli Piceno, Bari, Brindisi, Campobasso, Chieti, Foggia, Lecce, Macerata, Pescara, Potenza e Taranto.

Sono ammessi alle selezioni tre categorie di giovani: candidati al di sotto dei 27 anni in possesso di diploma di laurea magistrale con un punteggio di almeno 95/110; giovani con laurea triennale con un punteggio di almeno 95/110 che non hanno compiuto 24 anni alla data del 15/10/2008 (i titoli di studio dovranno essere stati conseguiti in ambito scientifico); diplomati con maturità scientifica, classica, tecnico commerciale e per programmatori con un punteggio di almeno 90/100 che non hanno compiuto 21 anni alla data del 15/10/2008.

Le domande di partecipazione dovranno essere compilate direttamente via internet entro il 15 ottobre 2008 esclusivamente accedendo al seguente indirizzo www.bancapulia.it/CurriculumVitae/Bando2008.asp. La prima prova, consistente in un test psico-attitudinale, sarà sostenuta, invece, nel corso del mese di novembre 2008.

68 Comments

  1. luca says:

    Ciao a tutti,
    in sede d’esame io e un collega (Nicola, la persona più gentile che abbia mai conosciuto) ci siamo presi la briga di tartassare di domande l’addetto alle risorse unane di turno. Il risultato ottenuto e pressocchè simile a quello avuto da Andrea: noi, se per un motivo o per l’altro risultassimo idonei, andremmo solo a rimpire un bacino di potenziali dipendenti per la banca, saremmo solo una serie di nomi da cui attingere in caso di necessità. Per farla breve potremmo ricevere la proposta di fare i tappabuchi ovvero di rimpiazzare un dipendente momentaneamente in ferie o in malattia con un contratto di qualche giorno chissà dove. Si perchè, anche se c’era il requisito di essere residenti in un qualche potenziale sito per l’apertura di una nuova sede, potremmo ricevere un contratto per un altra qualsiasi provincia o peggio regione.
    Ci sono, tuttavia, due buone notizie: la prima è che la ragazza con cui abbiamo parlato aveva partecipato alla selezione del 2007 ed era stata contattata praticamente subito, e che da allora ha sempre lavorato per la banca, cambiando anche mansione, passando da sportellante ad addetta all’ufficio del personale, e come lei molti altri che hanno sostenuto le prove in quell’anno. Ha dovuto però frequentare prima un corso al quale è stata chiamata a partecipare solo 2 GIORNI PRIMA della data di inzio!
    La seconda è che non siamo in 100 a sostenere la prova ma 99, poichè una candidato non si è presentato durante la mia sessione e verrà per tanto escluso. Anche se mi dispiace per lui o lei, le possibilità per noi altri forse aumenteranno se pur di pochissimo.
    Auguro buona fortuna a tutti (anche per dopo).

  2. andrea says:

    Ciao a tutti,
    innanzitutto ringrazio Luca per le gentili parole. Credo che comunicando si ottengano grandi risultati. A tal proposito vi faccio partecipe dell’ultima notizia che ho appreso proprio stamattina.
    Ho chiamato l’ufficio risorse umane della Banca Apulia per sapere se erano note le date della quarta ed ultima prova; inoltre gli ho chiesto cosa accadrà successivamente. Il responsabile mi ha risposto che al momento non sono state ancora specificate le date, comunque quasi sicuramente prima di Pasqua sarà terminata ancora la quarta prova. Sul dopo mi ha dato un informazione che mi ha lasciato sbigottito. Dopo qualche settimana infatti tutti e noi 100 riceveremo a casa una lettera: a chi non è considerato idoneo ci sarà scritto che il nostro profilo professionale non è idoneo con le loro esigenze e quindi.. arrivederci e grazie. E vabbé, questo si sapeva.
    A chi invece sarà ritenuto idoneo arriverà una comunicazione in cui si felicitano con noi, ma udite udite, ciò non fa conseguire direttamente un contratto di lavoro. Insomma il concorso ha lo scopo di identificare i profili professionali di interesse per l’azienda, la quale a sua volta si impegna a proporre un contratto entro diciotto mesi dalla lettera stessa. Il responsabile ci ha tenuto a specificare che il contratto può essere anche di una settimana e soprattutto che il concetto di impegnarsi non comporta un obbligo, dunque c’è anche la possibilità che ad una risorsa idonea non venga mai proposto nulla.
    Sinceramente non me lo aspettavo. E’ la prima volta che ascolto dichiarazione del genere, eppure per un periodo della mia vita ho lavorato nelle risorse umane e di colloqui ne facevo a decine ogni giorno.
    Va’ cmq detto a loro favore che effettivamente nel bando non è specificato che vi sarà assunzione.
    Questa notizia non mi è piaciuta. Non che mi aspettassi un contratto a tempo indeterminato. Ma neanche tutta questa precarietà.
    Saluti

  3. luca says:

    GRAZIE ANDREA
    Sei stato veramente chiarissimo e molto disponibile, ancora una volta l’unica fonte di informazione comprensibile e diretta, il nostro GURU insomma.
    Grazie ancora, sono sicuro che le tue prove sono andate benissimo. Spero che vadano altrettanto bene le mie così magari ci incontreremo da colleghi.
    In bocca al lupo.

  4. andrea says:

    Ciao Luca, hai fatto benissimo a riportare il mio commento, perché io l’avevo scritto proprio a scopo divulgativo. allora io ho sostenuto l’esame i primi di gennaio. la giornata è stata lunga, te la riepilogo brevemente: arrivo 8,30 per la presentazione. alle 9 si sostiene un primo esame di gruppo (dovreste essere una decina); alle 10.20 secondo esame di gruppo. questi esami sono dei test sul team work, praticamente danno dei compitini (nella fattispecie nel primo caso dovevamo gestire una testata giornalistica nel secondo caso dovevamo fare un riassunto di un brano) che dapprima si svolgono insieme e poi si sviluppano con il gruppo. come a tutti i test psicologici non c’è un modo corretto di mostarsi ed uno scorretto. tutto è relativo a quanto stanno cercando; in generale l’unico consiglio che ti posso dare è quello di mostrarti collaborativo ma di rimanere fedele alla tua personalità.
    dopo queste due fasi c’è un intervallo e poi partono altri 2 test: un colloquio di 30 minuti con uno psicologo ed un test di informatica. allora con lo psicologo si chiacchera, ci sono domande tipo: che vuoi fare nella tua vita, che lavoro fanno i tuoi genitori, sei fidanzato, quali pensi siano i tuoi aspetti positivi e quali quelli negativi, etc… il test di informatica è piuttosto difficile, essenzialmente perché chiede di mettere in teoria elementi che solitamente si mettono in pratica. mi spiego meglio: è un test a risposta multipla, con 4 chances; 50 domande da ultimare in 45 minuti. 25 domande sono su microsoft word e 25 su excell, tipo: se cambi un dato sulla casella di microsoft che succede? il grafico cambia o resta invariato? come si crea un modello su word? come si stampa una parte di un testo senza stampare tutto il testo? come si può eseguire il copia/incolla senza usare il mouse? spero di essere stato chiaro. in bocca al lupo

  5. luca says:

    Domanda per Andrea
    Ciao, io sono il ragazzo che ha riportato qui il tuo commento, spero che questa libertà che mi sono preso non ti abbia infastidito troppo, ma mi pareva giusto divulgare queste informazioni (visto che la banca non si preoccupa di farlo a pieno).
    Io sono leccese ma la prova dovrò sostenerla il 22 gennaio.
    Volevo chiederti nei partiolari lo svolgimento della prova: che tipo di lavoro ci verrà assegnato emagari l’attegggiamento richiesto dallo psicologo, le modalità della prova di informatica e qualche dritta utile sulla prova.

  6. andrea says:

    In risposta ad anonimo bancario che il 24 novembre ha parlato sul lavorare in banca:
    la tua analisi per alcuni aspetti mi sembra piuttosto approssimativa e molto di parte. cominciando dallo stipendio: prendere il 15% in più su un normale stipendio già è molto. se poi consideri che gli stipendi al sud sono mediamente inferiori dal 25% al 40% di quelli del nord… è palese che uno stipendio di 1400 euro per un ragazzo diplomato o laureato di 20 o 25 anni pugliese è un obiettivo onorabilissimo. gli scatti di carriera sono poi perfettamente in media con quelli nazionali. e sono decisamente meglio di quelli della pubblica amministrazione. magari nell’ambiente privato ci sono aziende che ti fanno crescere più velocemente, ma ti cacciano altrettanto velocemente. e con i tempi che corrono…
    condivido invece la critica alla mancanza di formazione e alla vendita dei prodotti senza consulenza. a mio parere questo modo di comportarsi è un chiaro esempio della crisi economica e morale che ci ha portati allo stato attuale… vendere per vendere… soldi su soldi: non può andare così! mi auguro che questa crisi abbia fatto capire un po’ di cose a chi muove i fili da sù!
    condivido anche la critica alle mansioni: è vero che in banca c’è una routine forte soprattutto all’inizio e che hai spazi decisionali bassi. Ed è un motivo per cui si prendono i giovani: perché fanno la gavetta e non rompono le scatole. d’altra parte c’è da dire che è quanto accade in più della metà delle situazioni lavorative.
    anche le agenzie di comunicazione, che dovrebbero essere luoghi creativi, prendono stagisti, li mettono sei, dodici mesi a mandare email e rispondere al telefono. senza neanche pagarli. almeno in banca ti pagano… non credo assolutamente che la giovane età e quindi una “identità meno forte” sia il motivo principale per cui vengano scelti i giovani. dal bando si evince palesemente che si voglia premiare il merito. i candidati devono essersi diplomati con un voto alto e senza perdere anni. lo stesso per i laureati: voto alto e massimo un anno fuori corso. premiare il merito. e poi risparmiare (lo stato offre agevolazioni – come ad esempio il contratto di inserimento – alle azienda che assumono chi ha meno di 28 anni).
    quanto alle raccomandazioni diciamocela tutta: in italia (statistiche alla mano) una raccomandazione conta più di un master. e le banche si prestano particolarmente a questo gioco perché girano soldi. ma voglio spezzare due lance in favore della banca apulia: la prima è che io senza la minima raccomandazione sono arrivato alla fasi finali (e come me immagino molti altri); la seconda è che sono certo che se una persona vale raggiunge i suoi obiettivi. magari con qualche giorno, mese o anno di ritardo. ma li raggiunge.
    insomma io sono per il bicchiere mezzo pieno.

  7. andrea says:

    ciao a tutti, io sono “ciccapablo”, ovvero colui che ha scritto su un blog (quello del sito “concosi.it”) il messaggio “ai posteri”. io ho partecipato alle selezioni di novembre e a quella di dicembre. a gennaio (il 7 se non vado errato) ci sarà la terza prova.
    ma non mi son fermato qui, ho infatti trovato il numero di cellulare di un ragazzo leccese che nel 2007 ha fatto la stessa selezione, l’ha passata ma poi ha scelto di andare via (è n ragazzo in gamba ed affidabile, in banca si trovava bene, ma alla lunga l’ha trovato stressante). mi sono fatto brevemente raccontare le modalità di svolgimento della terza e quarta fase e ho preferito scriverle a tutti, cosicché quando ci sarà una prossima selezione i candidati hanno un punto di riferimento per prepararsi e basarsi.

    c’è qualche ragazzo/a della provincia di brindisi (o lecce) che il 7 andrà a san severo per la terza prova? ci possiamo organizzare per andare insieme, io ho l’auto no problem, ma se si parte in 2, 3 o 4 si dividono le spese (e magari ci si diverte pure di più).

  8. Stefania says:

    io sono barese e sinceramente il giorno della 2 prova ho conosciuto una ragazza di campobasso e una di san severo…. quindi niente leccesi….
    comunque ieri ho ricevuto la mail per la 3 e 4 prova ke riguardano appunto il colloquio e l’uso di internet… incrociamo le dita!!!! e soprattutto d’ora in poi mi dedicherò a tanta tanto tanto studio….

  9. luca says:

    per quanti fossero interessati in giro per la rete ho trovato il messaggio di un certo ciccapablo, intitolato “ai posteri” (forse si era stancato del milione di domande che si trovano nei forum della banca); so che non è la Bibbia, ma le prime due volte ci ha preso…
    cito testualmente:
    “per chiunque si dovesse trovare a sostenere un concorso per la banca apulia:
    – prima fase: tutti (noi eravamo 2100) sostengono il test di preselezione psico attudinale (un centinaio di domande a risposta multipla su capacità logico-numeriche) da fare in 40 minuti
    – seconda fase: dopo un mese i vincitori (i primi 100) sono ricontattati per sostenere la prima di italiano, ovvero bisogna scrivere un tema; si hanno a disposizione 8 tracce tutte accessibili e di carattere economico, se ne sceglie una da svolgere in max 4 ore.
    – terza fase: a distanza di un altro mese vieni riconvocato per una prova di lavoro di gruppo con uno psicologo e contestualmente un test sulle competenze informatiche (pc e internet).
    – quarta fase: colloquio con il responsabile del personale, sulle motivazioni personali, esperienze… “

  10. luca says:

    ne sei sicura? hai ricevuto una mail?
    io se possibile mi trovo un pochimo peggio di te: io sono un fisico… non ho competenze specifiche in campo economico e non ho fatto riferimenti al codice civile pultroppo e spero anch’io nelle prossime prove.
    ho però bisogno di sapere al più presto quando si terranno le prossime prove per via di impegni precedenti molto importanti.
    sto cercando anche di sapere se sono l’unico leccese tra i cento “eletti”

  11. Stefania says:

    io non so proprio cm sia andata la prova… vengo dal liceo scientifico e studiavo diagnostica dei beni culturali…. una facoltà super scientifica!!!
    di economia ne so veramente poco per cui mi sono basata molto sulle mie letture quotidiane del sole 24 ore. non ho fatto riferimenti al codice civile perchè sinceramente nn l’ho mai letto… quindi… spero molto nelle prossime prove!!!
    la prossima dovrebbe essere il colloquio cn lo psicologo….

  12. luca says:

    p.s. qualcuno ha idea di quando sarà la prossima prova? sapete in cosa consisterà?

  13. luca says:

    anch’io vengo da uno scientifico sperimentale e ho 20 anni, non sono figlio di bancari ma sono fra i cento fortunati che oggi erano a San Severo e assolutamente non ho avuto raccomandazioni!!!
    come vi è sembrata la prova? ma fra di voi c’è qualcuno della provincia di lecce?

  14. Stefania says:

    non sono figlia di bancari…. eppure la prima parte l’ho passata!!!!

    ho 19 anni e un diploma di liceo scientifico sperimentale linguistico con 98/100… e certamente raccomandazioni nn ne ho avute…. mi sono solo preparata…. molto molto molto….

    devo ringraziare solo i miei studi di matematica….

  15. emanuela says:

    anche io sono fra i 100 eletti,e non so come prepararmi
    cmq speriamo bene

  16. maria says:

    non disperate, tanto entreranno i figli dei bancari.

  17. andrea says:

    ciao a tutti, anche io ho partecipato al concorso dello scorso novembre e qualche gg fa mi hanno comunicato che sono tra i 100 fortunati che faranno la seconda fase. la parte positiva è che mi ha fatto piacere essere selezionato senza avere ricevuto il cosidetto “calcio nel sedere”. questo fa ben sperare. mi sto interessando per prendere info sulla seconda prova. su questo forum http://forum.jobcrawler.it/jcforum/p…t/15/1843.pageho letto un po di roba. a quanto pare la seconda parte è un tema di italiano su argomento economico. ci sono otto tracce, se ne sceglie ovviamente una. la notizia negativa è che lo scorso luglio ho fatto un colloquio, tra i candidati c’era un tipo di lecce… abbiamo parlottato e lui mi ha detto di aver partecipato al concorso nel 2007. l hanno preso, ha passato tt le selezioni, gli hanno fatto fare tre mesi di training, ma dopo 4 mesi l’hanno mandato a casa. contratto finito, arrivederci e grazie. voi avete altre news? ciaooooo

  18. Anonimo bancario says:

    Un consiglio sincero da chi ci lavora ormai da tre anni nel mondo bancario (in particolare in agenzia). Lasciate perder la banca, ci sono tanti altri lavori che danno molte più gratificazioni e che sinceramente stressano molto meno. Alla fine per uno scostamento di un 15% in più al mese rispetto a uno stipendio medio in Italia pari a 1200 euro, sacrificate le vostre capacità in un posto di lavoro dove inizialmente andate a fare gli operatori di sportello, ovvero una scimmia ammaestrata con funzione di bancomat, e dopo qualche tempo verrete mandati a vender “prodotti finanziari” che neanche comprendete.

    Il lavoro standar che una qualsiasi persona dall’esterno può immaginare (ovvero la conoscenza approfondita dei servizi che la banca offre, l’operatività relativa e la normativa connessa non contano nulla.) Si viene valutati solo sul numero di prodotti venduti e del budget raggiunto. Un pò come la legge della giungla; chi si porta a casa la preda più grossa diventa il re della savana.
    Bisogna avere un pelo sullo stomaco non indifferente perchè cio che conta è piazzar “prodotti della banca” e non fornire al cliente un servizio di consulenza.

    In questo contesto, difficilmente si può trovare una gratificazione reale. In più il contratto offerto è a retribuzione fissa e non come dovrebbe “fissa+incentivo”.
    La carriera in banca è lentissima e prevede step su step con aumenti contrattuali da un grado all’altro anche di solo 70 euro in più netti al mese.
    Considerando che uno bravo vien promosso dopo 3 anni fate voi un pò i conti.
    Uno veramente in gamba può arrivare a guadganare 1800,00 euro netti al mese dopo 14 anni di lavoro.
    Quindi più tardi entra e peggio è.

    Il fatto dell’età e dovuto alla motivazione che il tipo di mansione alla quale si viene impiegati dopo poco tempo genera insoddisfazione che con più probabilità viene sopportata da un soggetto più giovane (che per costituzione è tendente all’ottimismo) piuttosto che da uno più adulto che sa razionalmente valutare le proposte che ha di fronte.

    Riporto la frase di Carmela che condivido pienamente “Tante se le banche chiedono personale cosi giovane, vuole dire che tanta esperienza e professionalità non serve! o non è condizione necessaria! buona fortuna a tutte voi!” Ha centrato nel pieno il problema. Si tende a non cercare persone troppo esperte che un giorno potrebbero lasciar la banca più facilmente. E’ meglio piuttosto legarne altre che sanno di non poter aver un futuro altrove nel mondo del lavoro.

    Infine vorrei farvi un cenno sulla normativa bancaria (MIFID, Trasparenza, Antiriciclaggio, Informativa sui contratti, ISVAP, CONSOB e Patti chiari) che negli ultimi anni si è ulteriormente appesantita, ogni secondo rischia di far tralasciare qualcosa all’opertaore di turno nella miriade di contratti collegati a qualsisasi cosa si sottoscriva in banca.
    In caso di contenzioso con il cliente la banca vi viene a prendere personalmente con il numero di matricola e vi fa esporre direttamente.
    Quindi dovrete sostenere anche il costo di una eventuale polizza RC professionale per limitae il danno dovuto a errori commessi durante la normale attività lavorativa.

    Vale la pena rischiare così tanto per così poco????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1