Profumo contro il nepotismo

dicembre 12th, 2011

«Questo governo, pur nelle difficoltà, pur tenendo ferma la barra del rigore, avvierà una politica per il futuro partendo da giovani, scuola e ricerca». È quanto assicura alla Stampa il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo secondo cui le risorse non saranno meno che in passato.

«Io voglio usare bene le risorse che ci sono – aggiunge -. Finora non è stato fatto. C’è poca attenzione al controllo della spesa. Non si curano i dettagli. Invece chi governa dovrebbe avere a cuore che ogni euro sia impiegato bene. E solo a quel punto chiedere più risorse». «Dal punto di vista tecnologico – spiega il ministro – l’Italia è rimasta nel vecchio millennio. La pubblica amministrazione non ha investito in de-materializzazione, semplificazione, tecnologie».

E sulla riforma Profumo sottolinea: «ho trascorso parte della vita occupandomi di gestione dei sistemi complessi. E ho imparato una cosa: quando si inizia un lavoro è indispensabile far funzionare quel che c’è. La riforma ha aspetti positivi e altri meno, ma questo Paese non può campare in eterno con rivoluzioni e fasi transitorie. Ha bisogno di stabilita». Per quanto riguarda il problema dei concorsi pilotati, il ministro osserva: «Il sistema dei concorsi si rende immune da contaminazioni con regole valide per tutti gli atenei: più valore alle pubblicazioni, meno ai test. E incentivi alla mobilità. Dobbiamo mescolare il sangue».
Fonte: Ansa

Leggi anche:

Ricerca, le madri degli omosessuali sono più ferti... Sarebbero più feconde le donne che hanno stretti rapporti di parentela con maschi omosessuali. Sia le madri che le zie materne dovrebbero avere meno p...
Atenei, manca il rapporto col territorio. Solo 1 s... http://rassegnastampa.unipi.it/rassegna/archivio/2012/11/06SIF2034.PDF
Il ministro Gelmini boccia l’Anvur L’Agenzia nazionale per la valutazione dell'Università e della ricerca? “Una costosissima struttura ad alto tasso di burocrazia e rigidità: non è ciò ...
Ricerca, Panizza (Roma Tre): “Da decreto Gia... E' "una vera e propria iniezione di giovani nelle università" ma, soprattutto, "si rafforza la premialità ed il merito sia dei ricercatori che degli a...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1