Profumo, il doppio canale per la ricerca non funziona

aprile 4th, 2012

Ricerca. Ferdinando di Orio scrive al ministro Francesco Profumo

L’università italiana va ripensata e gestita in maniera diversa. Ne è convinto il ministro dell’istruzione, Francesco Profumo, che è ritornato sull’argomento finanziamenti e ricerca.  «Le Università  – secondo Profumo – devono imparare a gestire in modo diverso le risorse. Quest’anno ci saranno interventi per 10 miliardi di euro, ma bisogna puntare a una maggiore capacità di acquisire fondi dall’Europa». «Dal 2014 al 2020 verranno investiti in Europa per l’Università non più 50 ma 80 miliardi. Se non cambiamo direzione -ha avvertito- rischiamo di perdere 800/900 milioni di euro all’anno nella ricerca e rischiamo anche di perdere i fondi per la coesione che sono sette volte quelli della ricerca».

Anche nel settore ricerca il ministro punta a cambiamenti strutturali, a partire dalla semplificazione della figura del ricercatore. «Il doppio canale che c’è adesso non funziona, abbiamo creato troppe figure di ricercatori e non si può continuare così. Serve un’unica figura su cui potremo confrontarci». Il ministro ha specificato che «le risorse per i settori specifici di interesse europeo vanno recuperate dall’Europa. Quelle nazionali invece vanno investire in quei settori che l’Europa non copre come le scienze umane, grande patrimonio italiano».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1