Le dieci regole da seguire per creare il perfetto profilo su LinkedIn

febbraio 5th, 2014

linkedin

Il prontuario del perfetto profilo LinkedIn: dalle foto agli aggiornamenti, ecco  il decalogo delle buone e delle cattive abitudini da adottare o da evitare se si vuole usare il Social Network con successo.

Il decalogo è stato stilato dal sito gioventu.org sulla base dei dati raccolti da Nicola Giaconi e Gianluca Antoni nel libro “Trova il tuo lavoro” (Il Sole 24 Ore, 2012) ed è diviso in buone e cattive abitudini.

Nella lista dei cinque comportamenti da adottare per avere successo su LinkedIn troviamo:

1 – Non abusare di raccomandazioni ed endorsement: avere troppe segnalazioni poco accurate equivale a non averne. Le segnalazioni, infatti, devono contenere informazioni davvero utili a completare il tuo profilo.

2 – Usa LinkedIn con costanza: utilizzare il network con continuità ti permette di sfruttarlo in modo strategico, non solo per trovare lavoro.

3 – Utilizza una foto adeguata: come vuoi che gli altri ti visualizzino? Poniti prima di tutto questa domanda.

4 – Personalizza gli inviti: se vuoi collegarti con qualcuno, scrivi nell’invito qualche riga per spiegargli il motivo. Susciterai molto più interesse.

5 – Inserisci il link al profilo nelle email: LinkedIn va integrato con altri canali di comunicazione. Un esempio? Inserire in calce all’email il link al tuo profilo è un modo efficace per comunicare personalità a chi ti legge.

Veniamo poi alle 6 abitudini da evitare per essere ben visibili sul Social:

1 – Avere un profilo incompleto: cura il tuo profilo con informazioni complete, altrimenti chi ti cerca (non solo potenziali datori di lavoro ma anche business partners) avrà più difficoltà a trovarti.

2 – Fare solo spam o essere autopromozionali: nessuno sarà interessato a leggere o seguire chi parla solo di sé.

3 – Postare updates non adeguate: è importante capire che LinkedIn non è Facebook e i contenuti da condividere devono avere un tono diverso.

4 – Usare male le keywords: chi cerca usa molto spesso le parole chiave: se non le inserisci bene difficilmente sarai trovato. Quali sono le cose che vuoi siano associate a te?

5 – Avere pochi collegamenti: se il tuo profilo ha pochi collegamenti può trasmettere un’idea di scarsa accuratezza, scoraggiando gli altri a contattarti.

6 – Avere la Url non personalizzata: è una nota stonata per un profilo che vuole essere ben curato.

Poche semplici dritte per ottimizzare il proprio profilo LinkedIn: ora non resta che seguirle.

come stare su linkedin

One Comment

  1. Pingback: CLASSIFICA - I 10 oggetti usati da una studentessa sotto esame

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1