Esami, come si gioca la partita

aprile 15th, 2016
Esami, come si gioca la partita
News
0

La valutazione del calendario accademico favorisce le nostre attività. All’inizio dell’anno accademico prendi nota della materie che devi/vuoi seguire e creati un tuo calendario in modo da poter organizzare la tua giornata, senza dispersioni di tempo. Valuta quanto dura il corso specifico di ogni materia e programma gli esami che intendi sostenere nelle diverse sessioni di esame. La frequenza alla lezioni deve essere partecipata e ri-elaborata durante il momento dello studio individuale. Se hai dubbi ed alcuni concetti non ti sono chiari, non ritrarti. Parla con i tuoi compagni, confrontati con il docente. L’università è un ambiente di ascolto, di apprendimento, ma soprattutto di discussione accademica e di confronto intellettuale e pratico. Gli esami si sostengono durante la “sessione di esami”. Informati subito su tempi, scadenze delle sessioni. L’organizzazione delle sessioni di esami è basilare per una corretta gestione del nostro piano di studi.
Considera che un esame è fatto di: frequenza (nel caso non fosse possibile, accordarsi con il professore per un programma personalizzato), di studio individuale (che non esclude lo studio di gruppo per elaborare ed assorbire meglio i concetti) e di esercitazioni.
Crediti
I crediti formativi universitari (CFU) sono l’unità di misura del tipo di impegno necessario ad ottenere un titolo di studio universitario. L’impegno universitario, tra studio individuale, lezioni, laboratori e stage, è stato suddiviso convenzionalmente in unità di 25 ore. Un anno di studio corrisponde a 60 cfu, di cui almeno la metà è riservata allo studio. Attenzione Sostenere un esame, non significa memorizzare nozioni, ma contestualizzare la disciplina, apprendere conoscenze e competenze. Anche se riuscirai a passare un esame, con stratagemmi e scorciatoie, nel mondo del lavoro, ti saranno richieste competenze e abilità, a prescindere dal numero di esami svolti.
Percorsi interfacoltà
Un corso di laurea interfacoltà, indica un corso di studi che per la propria natura formativa, rende necessaria la collaborazione di più facoltà/dipartimenti, con una principale denominata “capofila”. Per esempio, il corso di laurea in “Scienze Biotecnologie”, che per la sua natura multidisciplinare è, nella maggior parte dei casi, un corso interfacoltà.

Annualità
Il termine ha una doppia valenza. Indica le ore complessive di svolgimento di una materia che si svolge durante l’anno accademico. La materia può essere concentrata in un semestre o svolgersi durante l’intero anno. Alcuni insegnamenti presentano diverse annualità corrispondenti ad anni accademici diversi. Altresì, indica la durata dell’anno accademico.

 

 

 

L’ACCESSO AI CORSI DI LAUREA

COME AFFRONTARE I TEST D’INGRESSO

L’ABC DELLE MATRICOLE

IL DECALOGO DELLE MATRICOLE

TUTTI I SEGRETI PER SUPERARE UN ESAME

COME FUNZIONANO STAGE E TIROCINI

NON SOLO ESAMI: LA VITA IN ATENEO

 

 

 

Leggi anche:

Pisa, via libera allo statino elettronico Dopo alcuni anni di delicata sperimentazione, all'Università di Pisa lo statino elettronico entra a pieno titolo in ateneo. Il lavoro di ricercatori e...
Bari, indagati per false dichiarazioni Una lunga marcia costellata di tappe prima di arrivare al traguardo finale: per ottenere la laurea occorre sostenere - rispettando le dovute propedeut...
Agente 007 Copiatura in azione Oggi inizia la maturità per molti studenti italiani. Molti avranno studiato, alcuni sperano in un po’ di fortuna, altri forse copieranno. Ci sono Paes...
Non solo esami: la vita in Ateneo Benvenuto all’Università. Realtà nuova, stimolante ma per certi versi anche “dispersiva”. Sbrigate le pratiche amministrative con iscrizione e acquis...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1