Brexit, atenei e ricerca a rischio. Allarme anche per l’Erasmus

luglio 25th, 2016
Brexit, atenei e ricerca a rischio. Allarme anche per l’Erasmus
Università
0

Mentre gli alunni stranieri delle scuole inglesi temono di essere cacciati, molti studenti europei non hanno confermato la retta universitaria dopo l’esito del referendum

Bilanci degli atenei a rischio e fondi per la ricerca non confermati. La Gran Bretagna dopo aver scelto l’addio all’Europa rischia di vedere anche i suoi studenti e le università esclusi dal celebre programma Erasmus. E’ l’allarme lanciato sulle pagine dell’Observer da Ruth Sinclair-Jones, che dirige nel Regno Unito l’interscambio degli studenti europei e parla di un “momento di grande incertezza”. Secondo quanto riportato dall’agenzia Ansa, molti studenti europei non avrebbero confermato l’iscrizione e i giovani britannici potrebbero venir esclusi da importanti periodi di formazione all’estero ma gli atenei del Regno finirebbero col subire cospicui tagli di fondi alle loro finanze, fondamentali ad esempio per la ricerca.

Secondo Sinclair-Jones, non ci sarebbero ancora conseguenze dirette, ma ”sul lungo periodo, la situazione è del tutto incerta”, e già dall’anno prossimo ci potrebbero essere drastici cambiamenti. Secondo i dati diffusi dall’Observer, si contano 120 mila studenti dai Paesi Ue nelle università del Regno e di questi 27.400 appartengono al programma Erasmus che paga attraverso borse di studio le loro rette.

Leggi anche:

Classifica atenei, “ripescata” Unifi L'Università di Firenze rientra tra gli atenei a cui andrà la ripartizione della quota del 7% del Fondo di finanziamento ordinario (Ffo), distribuita ...
La Lombardia punta sugli atenei Far ritornare in Lombardia ricercatori che oggi lavorano all'estero, avvicinare le piccole e medie imprese all'università, ad esempio per l'accesso ai...
E-gov, verso gli atenei digitali Entro il 2010 l’obiettivo principale è di completare e potenziare la copertura internet dell'intera area del polo delle tre università romane - Sapien...
Se la riforma arriva per decreto Il rettore della Sapienza Renato Guarini non usa mezzi termini: «Sono state introdotte misure nelle pieghe di un provvedimento di finanza pubblica ela...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1