Via la Giannini. Il Miur riparte dalla Fedeli per ricucire lo strappo con Scuola e Giovani

dicembre 13th, 2016
Via la Giannini. Il Miur riparte dalla Fedeli per ricucire lo strappo con Scuola e Giovani
HomePage
0

La neo ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli trova ad aspettarla nel suo nuovo ufficio in viale Trastevere parecchie questioni aperte. E alcune di queste molto spinose. Il termine usato da diversi parlamentari pd e addetti ai lavori, per interpretare il futuro è: ricucire.
Ricucire i rapporti con un mondo, quello della scuola, che ha voltato le spalle al governo Renzi. Uno scollamento forte, avvertito da chi la scuola la fa tutti i giorni e la vive dal di dentro, e chi invece si proponeva di rivoluzionarla senza conoscerne le caratteristiche fondanti. Inevitabile il siluramento della Giannini e la scelta di una figura più dialogante con quel mondo.

Le cose da fare
Innanzitutto le deleghe attuative della Buona scuola, uno dei cavalli di battaglia del governo Renzi. Ma anche i correttivi alla stessa riforma su cui l’esecutivo proprio nelle ultime settimane aveva deciso di trattare con i sindacati. Per quanto riguarda le deleghe della Buona scuola scade a meta’ gennaio il termine ultimo, previsto dalla legge 107, per approvare i decreti legislativi delegati. Sono nove le deleghe previste, tra cui, in particolare, quelle relative al sistema integrato 0-6 per nidi e scuole dell’infanzia e alla revisione della valutazione nel I ciclo e nell’esame di maturità.

Ferma anche la revisione della formazione tecnica e professionale e il reclutamento dei docenti, con le relative pendenze per sanare le graduatorie a esaurimento non ancora svuotate. Una delle primissime pagine da affrontare, nel dossier scuola, riguarda senz’altro la mobilità degli insegnanti (sulla questione è stata aperta una contrattazione con i sindacati e la scorsa settimana c’e’ stato un incontro ‘politico’ con l’idea da parte del Miur di chiudere prima di Natale) e la controversa questione della “chiamata diretta”.

Sul tappeto anche la trasformazione dell’organico di fatto in organico di diritto (una norma in proposito era stata inserita nella legge di stabilita’ e viale Trastevere ha avviato una trattativa con il Mef per 25.000 persone), il decreto per la sperimentazione del Liceo in 4 anni e naturalmente l’attuazione dell’accordo sui contratti.

C’è poi da portare a termine il concorso per docenti e da far partire quelli, attesi da tempo, per dirigenti scolastici e direttori dei servizi generali e amministrativi.

Sul fronte Università in sospeso l’assegnazione della quota premiale del Fondo di finanziamento ordinario e le famose “Cattedre Natta” contro cui si sono mobilitati nei mesi scorsi associazioni studentesche e sindacati. Da attuare, infine, il Programma nazionale della ricerca.
Ci sarà da capire poi se si sbloccheranno i famosi 430 milioni di euro per la ricerca, custoditi nei forzieri della Banca d’Italia e intestati all Iit di Genova, così come aveva auspicato la senatrice Elena Cattaneo in un recente intervento proposto dal nostro giornale.
Staremo a vedere, certo sarebbe un bel colpo a effetto per l’inizio di un mandato che si rivela per la Fedeli stimolante quanto complesso.

Leggi anche:

Zanzare tigre alla Sapienza La Città universitaria della Sapienza si è trasformata in un grande laboratorio a cielo aperto, per una serie di esperimenti scientifici condotti dagl...
Saperi a confronto Dopo il successo della prima edizione ritorna l’iniziativa della Winter School Interdisciplinare “Il Dialogo dei Saperi” presso l’università di Bari. ...
La rassegna stampa di venerdì 22 settembre Ecco gli articoli selezionati da Corriereuniv sulla stampa di oggi:  Il Messaggero - FEDELI: "LEZIONI DI RISPETTO PER DIRE BASTA AGLI STUPRI" ...
La rassegna stampa del 6 ottobre Ecco gli articoli selezionati per voi da Corriereuniv.it sulla stampa di oggi:  La Repubblica - L'ITALIA NON PREMIA LA COMPETENZA STORIE DI AR...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1