breaking news

Ecco le otto sfide di Valeria Fedeli al timone del ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca

gennaio 2nd, 2017
Ecco le otto sfide di Valeria Fedeli al timone del ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca
Attualità
0

Il 2017 si profila per la ministra Valeria Fedeli, elezioni permettendo, come un anno caratterizzato da diverse sfide, da affrontare dalla cabina di comando di uno dei dicasteri più delicati: l’ Istruzione, l’università e la ricerca.
Vediamo una per una tutte le priorità dell’atto di indirizzo per l’anno 2017.

1. Miglioramento del sistema scolastico, inteso come formazione iniziale, crescita e sviluppo professionale di tutto il personale della scuola. Fari puntati sulla formazione iniziale e il reclutamento dei docenti. Reclutare, attraverso nuovi concorsi, dirigenti scolastici e direttori dei servizi amministrativi. Avviare un sistema di integrato di educazione ed istruzione dalla nascita ai sei anni. Rivedere i percorsi dell’istruzione professionale in un’ottica di sistema duale.

2. Riduzione della dispersione e inclusione scolastica, con un’offerta formativa personalizzata ed inclusiva, anche grazie all’utilizzo delle nuove tecnologie. Particolare attenzione agli studenti con disabilità, disturbi dell’apprendimento e in situazioni di svantaggio socio economico, linguistico e culturale. Attivare azioni rivolte al benessere, ai corretti stili di vita e di buona convivenza degli studenti al fine di prevenire fenomeni come il bullismo e le dipendenze da alcool e droga.

3. Potenziamento dell’offerta formativa attraverso l’innovazione didattica in una dimensione internazionale. Potenziare ed espandere l’alternanza scuola/lavoro e l’apprendistato, anche nell’ottica di momenti utili ad orientarsi.

4. Attuazione del programma nazionale per la ricerca. Dare piena attuazione alla strategia del Programma Nazionale per la Ricerca e alla programmazione europea

5. Favorire la capacità delle istituzioni della formazione superiore di elaborare e realizzare una programmazione strategica e gli interventi di ampliamento e innovazione dell’offerta formativa e le priorità autonomamente definite dagli istituti stessi.

6. Promuovere il diritto allo studio nel sistema della formazione superiore e la mobilità di studenti e docenti , incentivando la crescita e l’internazionalizzazione dell’intero sistema della formazione superiore mediante l’impiego di appositi strumenti ed indicatori.

7. Proseguire nell’attuazione del processo di innovazione tecnologica del sistema nazionale di istruzione, in coerenza con i principi del piano nazionale scuola digitale, nell’ambito dello sviluppo delle infrastrutture materiali e immateriali, della metodologia didattica, delle competenze, e della gestione amministrativa delle istituzioni scolastiche.

8. Proseguire nell’opera di riqualificazione del patrimonio edilizio destinato all’istruzione sotto il profilo della sicurezza, dell’agibilità, e della funzionalità(piano nazionale 2014)
Prevenzione della corruzione, trasparenza, e miglioramento della qualità dei servizi erogati.

Leggi anche:

Accolto il ricorso dell’Udu: in Calabria ammessi 3... Oltre 30 persone potranno iscriversi a Scienze della Formazione in Calabria. L’Unione degli Universitari sigla un’altra vittoria ottenuta al Tar d...
Vivere e studiare a Roma, opportunità per 13 giova... Si ripete il concorso aperto a brillanti giovani dello stivale per partecipare al corso estivo indetto dal collegio universitario Villa Nazareth della...
OrientaSud: dall’Europa più sostegno per i giovani... Europa, lavoro ed internazionalizzazione saranno al centro dell’ XI edizione di OrientaSud, “Il Salone delle Opportunità”, in programma a Napoli dal 1...
Il “cartellino giallo” approda a scuola Venerdì 13 marzo 2009 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri un regolamento inerente i nuovi criteri di attribuzione dei voti, nonché la valutaz...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1