6 aprile: la Giornata mondiale dello sport per lo sviluppo e per la pace

aprile 6th, 2017
6 aprile: la Giornata mondiale dello sport per lo sviluppo e per la pace
sport
0

Nel giorno in cui si ricorda l’apertura della prima olimpiade dell’era moderna ad Atene, è necessario ripercorrere rapidamente la storia delle olimpiadi analizzando particolari di cui è necessario venire a conoscenza. Considerate come la più antica competizione sportiva, l’obiettivo dichiarato di tale manifestazione è quello di unire i popoli sul campo dello sport andando oltre le divisioni politiche, culturali e religiose.

Dal 1896, i Giochi Olimpici vengono organizzati con cadenza quadriennale, di volta in volta in una nazione diversa.

  •  -Stoccolma 1912: per la prima volta le donne furono ammesse alle gare di nuoto.
  • -Anversa 1920: per la prima volta venne recitato il Giuramento olimpico, dallo schermidore belga Victor Boin. Inoltre nacquero la Bandiera olimpica e la tradizione che vede liberare le colombe bianche durante la cerimonia d’apertura, a simboleggiare la pace.
  • -Amsterdam 1928: le donne vennero ammesse per la prima volta nelle gare di atletica leggera.
  • -Melbourne 1956: prima volta in cui i giochi si disputarono in una nazione appartenente all’emisfero sud del pianeta.
  • -La prima mascotte ufficiale per un’Olimpiade apparve nell’edizione Monaco 1972.
  • -Mosca 1980 e Los Angeles 1984: gli attriti tra Usa e Urss provocarono i rispettivi boicottaggi alle edizioni dei giochi olimpici con conseguente abbassamento del livello di gara.
  • -Soltanto 5 sport sono sempre stati presenti alle Olimpiadi sin dal 1896:atletica leggera, ciclismo, scherma, ginnastica (artistica, la ritmica fu introdotta solo nel 1984) e nuoto. All’elenco andrebbe aggiunto anche il canottaggio, che era in programma nel 1896, ma le gare furono annullate a causa del maltempo.
  • -Contrariamente alle speranze del barone De Coubertin, le Olimpiadi non impedirono le guerre. I Giochi del 1916 furono cancellati a causa dello scoppio della prima guerra mondiale, e lo stesso avvenne per i giochi del 1940 e 1944, a causa della seconda guerra mondiale. Inoltre i vincitori della prima guerra mondiale impedirono alle nazioni sconfitte di partecipare alle Olimpiadi del 1920. Lo stesso accadde nel 1948; tutte le nazioni che persero la II Guerra Mondiale (tranne l’Italia, a cui venne riconosciuta l’attenuante di aver dichiarato guerra, dopo l’armistizio del 1943, all’invasore tedesco) vennero escluse dai Giochi di Londra. Dal 1992 il CIO, in occasione di ogni Olimpiade, chiede ufficialmente alla comunità internazionale (con il supporto dell’ONU) di osservare la tregua olimpica.
  • -Il giuramento olimpico viene pronunciato da un atleta, un giudice e un allenatore durante la cerimonia di apertura dei Giochi olimpici. L’atleta, il giudice e l’allenatore, che appartengono al paese organizzatore, reggono un angolo della Bandiera olimpica mentre pronunciano il giuramento nella lingua ufficiale del Paese (o una di esse) a nome di tutti gli atleti, giudici e allenatori:

 

Atleta: “A nome di tutti i concorrenti, prometto che prenderò parte a questi Giochi Olimpici rispettando e osservando le regole che li governano, impegnandoci nel vero spirito della sportività per uno sport senza doping e senza droghe, per la gloria dello sport e l’onore della mia squadra”

 

Giudice: “A nome di tutti i giudici e ufficiali di gara, prometto che adempiremo alle nostre funzioni in questi Giochi Olimpici con una completa imparzialità, rispettando e osservando le regole che li governano, nel vero spirito della sportività”

 

Allenatore: “A nome di tutti gli allenatori e gli altri membri dell’entourage degli atleti, prometto che ci impegneremo per garantire che lo spirito di sportività e il fair play siano pienamente rispettati e accolti in conformità dei principi fondamentali dell’Olimpismo”

 

Paolo Massimo Campogrande

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1