Pasticcio all’Anvur: modificate le pagelle con cui vengono ripartiti 2 miliardi alle università

luglio 11th, 2017
Pasticcio all’Anvur: modificate le pagelle con cui vengono ripartiti 2 miliardi alle università
HomePage
0

Un’inchiesta del Fatto Quotidiano a firma Laura Margottini svela la continua modifica delle pagelle a cui il Miur fa riferimento per ripartire 2 miliardi alle università. Il documento “incriminato” è il rapporto sulla valutazione della qualità e della ricerca (Vqr), per il periodo 2011-2014, pubblicato il 21 febbraio dall’Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Università e della Ricerca (Anvur) e che, secondo i giornalisti di Via Valadier, ha subito manipolazioni fino al 5 maggio. E senza traccia degli errata corrige, né di una spiegazione su come tali modifiche possano incidere sulla ripartizione dei fondi. 

I due miliardi del Fondo di Finanziamento Ordinario (Ffo) per l’università sono così divisi: 930 milioni di quota premiale più un’ulteriore porzione di 271 milioni, spalmati in 5 anni a partire dal 2018, per quei dipartimenti risultati eccellenti per la Vqr. Il direttore dell’Anvur Sandro Mogliano conferma al Fatto Quotidiano l’avvenuta modifica, spiegando che “i file modificati sono più di cento: quasi tutti i rapporti finali di ogni ateneo, 4 rapporti di area scientifica e il file di terza missione – ma assicura – Sono stati corretti solo refusi e dei numeri errati in fase di redazione del rapporto, non dei dati comunicati al Miur il 16 dicembre 2016″. Ma non essendoci gli originali (se non quelli posseduti dal Miur e non resi pubblici) manca la possibilità di verificare tali affermazioni. In barba alla tanto decantata trasparenza. 

I giornalisti del Fatto trovano un riscontro; un professore, Alberto Baccini, ordinario di economia politica all’Università di Siena a cui è stato modificato il voto dopo il 21 febbraio e che cambia anche il giudizio sul dipartimento a cui afferisce. La modifica, scrive la giornalista, dovrebbe riflettersi nelle percentuali presenti nelle tabelle di area corrispondente. E che servono per stilare la classifica dei dipartimenti eccellenti che concorrono all’assegnazione dei 1,35 miliardi ripartiti su 5 anni. Delle due l’una quindi. Inoltre le 4.000 pagine del Vqr determinano anche la possibilità di avviare scuole di dottorato proprio sulla base dei voti dei ricercatori che andranno a fare parte dei collegi docenti della scuola. 

Le differenze con l’estero non mancano mai. La valutazione della qualità della ricerca britannica, il Ref, a cui quella italiana di ispira, prevede un processo di controllo dei risultati precedente alla pubblicazione. Inoltre, tale rapporto una volta chiuso e inviato agli enti governativi non può più essere modificato, proprio per garantire l’affidabilità delle informazioni. 

Leggi anche:

Censis, alta formazione contro la crisi Siamo una società “testardamente replicante”. Ci basti sapere questo per leggere con un po’più di ironia e forse anche meno preoccupazione il 43° rapp...
Bari, indagati per false dichiarazioni Una lunga marcia costellata di tappe prima di arrivare al traguardo finale: per ottenere la laurea occorre sostenere - rispettando le dovute propedeut...
Quali sono le migliori università al mondo? Vince ... L'Italia è l'ottava potenza accademica al mondo: a parlare sono i dati del monitoraggio QS, Worldwide university rankings, guides & events, che og...
Quando il Miur riporta i cervelli in Italia L’intervista a Stefania Milan, la sociologa che è entrata a far parte del team dei collaboratori di Francesco Profumo Ha 32 anni, un dottora...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1