Vacanza post esami? La top 5 delle persone con cui non vorresti partire

luglio 11th, 2017
Vacanza post esami? La top 5 delle persone con cui non vorresti partire
Università
0

Sono gli ultimi giorni di esami e maturità. Probabilmente molti di voi stanno già pensando a concedersi una meritata vacanza ristoratrice. Ma la domanda seguente sorge spontanea: con chi andare? Ecco noi possiamo dirvi con chi gli studenti non vorrebbero essere in vacanza, la parola agli studenti intervistati da Uniplaces.

Quello che non rispetta la cultura locale

Non c’è niente di peggio, quando si viaggia all’estero, che avere un compagno di viaggio che commenta sarcasticamente tutto ciò che vede o, peggio, che lo deride apertamente. Sì, ogni paese è diverso e, a modo suo, strano; ma se non fossimo curiosi di scoprire cosa caratterizza un luogo, forse non lo visiteremmo nemmeno. Per questo il 32% degli studenti intervistati non sopporta di viaggiare con chi non rispetta la cultura locale.

Quello che non vuole provare la cucina locale

La cucina italiana sarà anche la migliore al mondo, ma secondo gli studenti italiani quando si viaggia è d’obbligo assaggiare le specialità del posto. È il modo più gustoso per entrare in contatto con la cultura del paese che si sta visitando, ma non tutti la pensano così: c’è sempre l’amico che preferisce andare sul sicuro con una pizza o un hamburger, o persino quello che a Barcellona ti propone di mangiare sushi. Ma gli universitari italiani sono forchette avventurose: il 33% non vorrebbe mai viaggiare con chi non vuole provare i piatti tipici del posto.

La lucertolona da spiaggia

Per qualcuno, fare una vacanza al mare significa una cosasola: prendere il sole, sempre e comunque. Per queste persone il successo di una vacanza è perfettamente calcolabile secondo una metrica ben precisa: la tonalità raggiunta. Al 34% degli universitari italiani però non piace passare l’intera vacanza in spiaggia. Anche le località balneari possono offrire molto in termini di bellezze naturali o culturali. Possono esserci concerti, tornei di beach volley, mercatini. Insomma, ovunque si vada c’è qualcosa di interessante da scoprire e non è piacevole avere compagni di viaggio che invece pretendono di spendere l’intera giornata a rosolare sotto il sole.

L’animale da festa

Ogni gruppo di amici ne ha uno: è l’instancabile discotecaro che trasforma ogni vacanza in una maratona di reggaeton. Per lui non importa se la meta della vacanza è Rimini o Berlino. Ciò che conta è fare serata; o meglio ancora, fare mattina. Il 34% dei ragazzi italiani però non vorrebbe mai avere un animale da festa come compagno di viaggio: la vita notturna è sicuramente una parte importante di ogni vacanza con gli amici, ma non può diventare un’ossessione.

Quello che non scende a compromessi

È lui il nemico pubblico numero uno dei giovani vacanzieri italiani;il 38% degli intervistati dichiara che non vorrebbe mai fare un viaggio con chi non sa adattarsi. È questa, del resto, la parte più delicata e più importante di ogni vacanza in gruppo: capire che ognuno ha gusti diversi, per cui bisogna saper scendere a compromessi. Anche se controvoglia, ogni tanto bisogna darla vinta pure a chi pretende di mangiare sushi a Barcellona o di fare l’alba in discoteca. Per far sì che la vacanza sia piacevole per tutti, infatti, ciò che conta davvero è sapersi venire incontro.

Leggi anche:

David Grossman alla Luiss “Il mestiere di scrittore in Israele. Conversazione con David Grossman”. L’incontro. Organizzato dalla Luiss, si terrà mercoledì 21 Maggio 2008 alle o...
Tirocini all’Unesco L’Unesco ha bandito tirocini non retribuiti per giovani laureati e laureandi provenienti da un qualunque ateneo italiano. I tirocini si svolgeranno pr...
Sapienza, al via la Summer School Un'iniziativa didattica dedicata alla diffusione della lingua e del patrimonio culturale italiano nel mondo. Si configura così la Summer School della ...
Il confronto non s’addice al ministro Per rispondere alle critiche e alle contestazioni di queste settimane, culminate nel "No-Gelmini Day" del 2 ottobre, il ministro dell'Istruzione non h...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1