Università Statale di Milano, accolto ricorso contro numero chiuso: saltano test per le facoltà umanistiche

agosto 31st, 2017
Università Statale di Milano, accolto ricorso contro numero chiuso: saltano test per le facoltà umanistiche
Università
0

Stop al numero chiuso nelle facoltà umanistiche dell’Università Statale di Milano. Lo ha stabilito una sentenza del Tar del Lazio con cui i giudici del tribunale amministrativo hanno accolto il ricorso presentato a fine luglio dall’Unione degli universitari contro la decisione dell’ateneo meneghino di fissare dei paletti per le iscrizioni a lettere, filosofia, storia, beni culturali e geografia. Nella sentenza il tribunale amministrativo rigetta la giustificazione del numero chiuso per carenza di insegnanti; ed ora saltano i test previsti per il 4 settembre. “Ora che il Tar del Lazio ci ha dato ragione (si legge nella nota dell’Udu) possiamo dirci estremamente soddisfatti per una vittoria storica che ha riflessi nell’immediato sul futuro di tutti coloro che avrebbero dovuto sostenere il test nei prossimi giorni e sulle decisioni presenti e future prese da quegli atenei che hanno introdotto programmazioni dell’accesso illecite”.

Gli studenti ricordano di aver denunciato “sin da subito come la delibera adottata dagli organi accademici contenesse vizi formali e sostanziali mancando di fatto sia una maggioranza vera che il rispetto della normativa nazionale, prima su tutte la legge 264/99” che garantisce il diritto allo studio. L’assenza di un numero sufficiente di docenti non rientra tra le cause previste dalla legge n.264 del 1999 per introdurre il numero chiuso e le facoltà umanistiche non sono tra quelle elencate nella stessa legge che possono avere gli accessi regolamentati. Il pronunciamento rischia di creare un precedente per le facoltà che non rientrano nella direttiva ministeriale. L’Università degli studi di Milano con sede centrale in via Festa del Perdono sarebbe stata l’unico ateneo italiano a prevedere un tetto per gli studenti su quelle specifiche facoltà. “Avevamo denunciato – sostengono gli studenti dell’Udu – come la sordità dimostrata da chi doveva rappresentare tutta la comunità accademica aveva segnato un pericoloso precedente, oltre che un danno per il diritto allo studio di migliaia di studenti che volevano scegliere liberamente il corso del loro futuro”.

Leggi anche:

Test d’ingresso: le date Sono quasi giunti al termine gli esami di maturità. Chi ha intenzione di accedere ad una facoltà a numero programmato ha appena il tempo di tirar fiat...
Medicina, due studenti su tre sono contrari al tes... Medicina: è giusto fare ricorso? Per il 70 % degli studenti la risposta è sì. È questo il risultato del sondaggio lanciato dal Corriere dell’Universit...
Odontoiatria, test sotto inchiesta Una ventina di persone sono indagate dalla procura di Bari nell'ambito dell'indagine sulla presunta 'centrale' di esperti scoperta il 4 settembre scor...
Intervista a Maria Chiara Carrozza: “Il mode... "Il modello francese così com'è non è applicabile, non ci sono risorse e strutture". Al Corriere dell'Università parla Maria Chiara Carrozza, ex minis...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1