Brexit: “Fuga di massa dei cervelli dalle università”. A rischio soprattutto Economia e Lingue

novembre 14th, 2017
Brexit: “Fuga di massa dei cervelli dalle università”. A rischio soprattutto Economia e Lingue
Università
0

Possibile esodo di massa dal mondo accademico britannico? A lanciare l’allarme è un rapporto pubblicato dalla British Academy for the Humanities and the Social Sciences che mette in guardia le università: la Brexit potrebbe portare alla fuga in massa di cervelli dagli atenei del Regno. Pronti a lasciare il Paese a causa del divorzio dalla Ue sarebbero soprattutto docenti e ricercatori dei dipartimenti di Economia e di Lingue moderne. Un rischio che diventa maggiormente concreto in Irlanda del Nord – dove un quarto del personale accademico, di tutte le discipline, proviene da Paesi comunitari – e nelle Midlands, dove metà dei docenti di lingua moderna proviene da un Paese Ue. Se non sarà fatta presto chiarezza sui loro diritti, l’Inghilterra rischia di perdere i suoi migliori talenti. Molteplici le ragioni: dalla fine dei finanziamenti Ue alla ricerca e delle borse di studio, al calo di studenti dal continente, alla diminuzione degli scambi scientifici, al dissenso verso la politica del governo britannico nei confronti dell’ università.

 
 

Il rapporto «Brexit means…?» mette in graduatoria i dipartimenti più a rischio di fuga di cervelli: le facoltà di Economia, dove il 36% del personale potrebbe far ritorno alle nazioni europee d’origine, quelle di Lingue moderne (35%), di Matematica (29%), Fisica (28%), Ingegneria chimica (26%), Politica e relazioni internazionali (25%). Scienze umane e scienze sociali, quindi, gli ambiti più penalizzati. Attualmente nelle università del Regno Unito lavorano 40mila docenti e ricercatori dell’Unione europea non britannica (17mila tra Londra e l’Inghilterra del Sud; 4.5900 in Scozia), che costituiscono il 12% di tutto il personale a tempo pieno nell’istruzione superiore (tra questi, 5.700 italiani: seconda comunità straniera più numerosa). A loro, vanno aggiunti studenti di dottorati di ricerca e master. Gli studenti universitari stranieri, sono calati già lo scorso anno del 7%.

Il Guardian intervistando Ash Amin, responsabile del dipartimento di Geografia a Cambridge e segretario dell’Accademia, lancia un segnale a «garantire il diritto di residenza a tempo indeterminato agli accademici della Ue e non, che lavorano nel regno Unito». «È fondamentale che il governo agisca e metta fine all’incertezza – ha dichiarato il ricercatore -. Il rapporto illustra esattamente quello che è in gioco: la posizione del Regno Unito come leader mondiale nell’istruzione superiore e nella ricerca».

Intanto, in una relazione pubblicata martedì, il British Council sostiene che il Regno Unito, per «sopravvivere» alla Brexit, dovrà spingere per migliorare l’apprendimento delle lingue straniere: mandarino e arabo, innanzitutto; seguite da spagnolo, francese e tedesco. Mentre il rapporto «Lingue per il futuro» sottolinea che solo un terzo dei britannici è oggi in grado di tenere una conversazione in un’altro idioma, con sempre meno studenti che scelgono una lingua straniera moderna sia a scuola che all’università. 

Leggi anche:

Discussione sui fondi PRI A seguito della recente pubblicazione delle graduatorie dei progetti PRIN (Programmi di Ricerca di Interesse Nazionale, finanziati dal Ministero ...
Docente? Professione da ricchi Sulla carriera universitaria hanno le idee chiare. Un percorso troppo lungo, fatto esclusivamente per chi è ricco di famiglia, che riesce a fare solo ...
Chi valuta l’Università. L’Anvur rispo... Anvur e Miur si dividono i compiti. Pieni poteri al primo sulla valutazione della ricerca, mentre al secondo spettano i concorsi e le abilitazioni...
Atenei, L’Aquila è tra i virtuosi A volte anche uno 0,14% può fare la differenza. Nel caso dell'Università dell'Aquila è proprio questa la percentuale che la tiene lontana dalla fatidi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1