I bagni della scuola non funzionano? Li aggiustano mamma e papà

novembre 22nd, 2017
I bagni della scuola non funzionano? Li aggiustano mamma e papà
Scuola
0

I finanziamenti all’edilizia scolastica sono sempre più al contagocce? Niente paura ci pensano mamma e papà. Questo quanto accaduto all’Istituto Comprensivo Augusto Scocchera di Ancona dove i genitori degli studenti hanno prestato il proprio tempo e le proprie competenze per rimettere a nuovo i bagni del plesso delle primarie. Il costo complessivo è stato di circa 11mila euro, 10 dei quali messi sul piatto dal Comune per l’acquisto dei materiali e 1.000 euro dall’Istituto. Il resto l’ha fatto la sponsorizzazione di alcune aziende che hanno fornito materiali a prezzi di magazzino e, soprattutto, il lavoro di circa 15 genitori. “Il progetto si chiama La Scuola del Gratuito- La banca del tempo, sono anni che i genitori si danno da fare per cercare di rendere sempre più accoglienti e decorosi gli ambienti in cui i bambini vivono”, ha spiegato la preside Maria Costanza Petrini. Negli scorsi anni i lavori hanno riguardato opere di giardinaggio e tinteggiatura delle aule.

“Quest’anno i genitori del plesso Conero hanno messo mano al rifacimento ex novo di gruppi di bagni per la scuola primaria e credo che la cosa non si fermerà qui – prosegue la dirigente – si continuerà per dare anche alla scuola secondaria dei bagni degni di questo nome”. A segnalare l’esigenza di bagni nuovi sono stati gli stessi alunni, che spesso tornando a casa facevano notare ai genitori che il pulsante dello scarico era troppo duro o che i rubinetti non chiudevano bene. Oggi funziona tutto e sulle pareti ci sono composizioni di piastrelle che richiamano le opere di Mondrian. “Abbiamo collaborato con il Comune e con l’Istituto a questo progetto che parte dall’approccio scuola-famiglia – spiega la rappresentante dei genitori Laura Talevi– Ai genitori è permesso dare un contributo all’attività scolastica con la propria competenza”. E allora ecco il papà che dedica il suo tempo a installare piastrelle o a pitturare pareti: “Alcune mamme ad esempio verniciavano i radiatori, poi c’è stato anche il contributo di alcune aziende che hanno messo a disposizione i manovali”.

Leggi anche:

VOTA – Alcol test a sorpresa anche per gli i... Arrivano i test a sorpresa, a scuola. Gli insegnanti piemontesi da oggi dovranno sottoporsi a visita medica per individuare l'eventuale dipendenza...
Caos scuola, sciopero generale e università occupa... "Siamo l'Europa ribelle, non vi dobbiamo niente". Con questo striscione d'apertura e l'accensione di qualche fumogeno colorato, e' partito a Roma il c...
Per l’orientamento alle scelte degli student... Contrastare l’abbandono scolastico e aiutare ragazze e ragazzi a riconoscere le loro vocazioni. Sono gli obiettivi del bando PON da 40 milioni dedicat...
In classe si legge ad alta voce, dal 29 al 31 otto... Tre giorni di letture ad alta voce, in classe, per riscoprire grandi classici o portare in aula volumi freschi di stampa. Il 29, 30 e 31 ottobre v...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1