Prof assenteisti, Fedeli: “Rafforzare controlli su medici che certificano falso”

novembre 28th, 2017
Prof assenteisti, Fedeli: “Rafforzare controlli su medici che certificano falso”
Scuola
0

Mano ferma contro i “furbetti” della scuola. Maestre “fantasma” o medici accomodanti che siano. La ministra Valeria Fedeli denuncia: “Basta abusi, chiedo una riflessione di responsabilità: ho attivato con Inps e Ministero della salute un Osservatorio, bisogna rafforzare i controlli. Ci sono medici che a volte certificano il falso legittimando comportamenti scorretti nei confronti dei bambini, e il danno è anche per gli insegnanti che invece si comportano bene. Bisogna sanzionare quei comportamenti. Le difficoltà, nel conciliare lavoro e vita personale, vanno affrontate non sottraendosi alle proprie responsabilità”. La ministra interviene con durezza sul tema delle maestre “fantasma” sollevato ieri dal Corriere Della Sera: nominate di ruolo, ma a scuola non si vedono mai.

Spesso risiedono in regioni lontane, giustificano l’assenza con motivi di famiglia o certificati medici brevi rinnovati di settimana in settimana. Spesso, poi, ripetuti decine di volte inducendo al sospetto che in molti dei casi di malattia non si tratti. E soprattutto, producono disagi agli alunni perché i dirigenti non possono trovare una supplente di lungo periodo che garantisca la continuità didattica. I buchi da coprire sono troppo brevi, e i precari cui viene offerto il posto non accettano o scappano appena si presenta una occasione migliore. Delia Campanelli, direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, sottolinea le difficoltà dei docenti nell’affrontare il trasferimento quando la nomina di ruolo è molto lontana da casa, ma si professa anche ottimista: «Con il nuovo concorso a cattedra nel 2018, i docenti potranno scegliere in quale regione candidarsi (e quindi a quale regione essere destinati). La situazione migliorerà». Dal canto suo Caterina Spina, Cgil, rimarca il disagio dei supplenti saltuari sui brevi incarichi, chiamati all’ultimo minuto a colmare i buchi dei colleghi di ruolo assenti a singhiozzo. «Accettano un incarico di pochi giorni, si assumono il rischio di non essere confermati, ma i loro sforzi non vengono ripagati giustamente — dice Spina —. Non è banale vivere a Milano con uno stipendio da precario, peraltro con tempi incerti di pagamento. Ci sono persone che lavorano dall’inizio anno e non hanno ancora visto un euro».

Leggi anche:

La rassegna stampa di martedì 30 maggio Ecco gli articoli selezionati per voi da Corriereuniv.it sulla stampa di oggi:  Corriere della Sera - "PIU' CHIARI SUI 12 VACCINI" La Stamp...
Buona scuola, le modifiche riguardanti la Maturità... SCARICA LA GUIDA ALLA MATURITA' 2017 Valutazione, certificazione delle competenze ed esami di Stato Punti qualificanti  Il decreto legislati...
“First Ladies, non venite al G8” Le donne dell’università si rivolgono alle First Ladies degli otto Paesi più potenti al mondo. E chiedono solidarietà. Come? Rinunciando a venire all’...
Sergio Chiamparino invia una lettera alla ministra... Casale Monferrato deve essere la sede del centro di ricerca sulla fusione nucleare. Una volontà imprescindibile quella del presidente della Regione Pi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1