Trasporti inefficienti e costosi, la denuncia degli studenti di Perugia

gennaio 17th, 2019
Trasporti inefficienti e costosi, la denuncia degli studenti di Perugia
Università
0

Il confronto con Comune e Regione in occasione del primo tavolo congiunto sui trasporti

Oggi, Giovedì 17 Gennaio, si è tenuto un tavolo sul tema dei trasporti universitari convocato dall’Università degli Studi di Perugia a cui erano presenti: il Prof. Federico Rossi, delegato del Rettore ai servizi per gli studenti, Alessandro Biscarini (UdU), Presidente del Consiglio degli Studenti, e i competenti assessori di Regione e Comune, Giuseppe Chianella e Cristiana Casaioli.
La convocazione del tavolo si è resa necessaria a fronte della drammatica condizione in cui versa la mobilità per gli studenti universitari. Circa il 50% degli iscritti all’Università degli Studi di Perugia si muove infatti individualmente con il mezzo privato.
Lunghi tempi di percorrenza, percorsi non calibrati sulle esigenze della popolazione, frequenze eccessivamente rade delle varie corse, mancanza di un servizio notturno stabile e tariffe eccessive sono tra le principali cause per cui i trasporti urbani ed extraurbani non riescono a rappresentare una valida alternativa per una categoria che invece sarebbe per definizione tra i migliori target del trasporto pubblico locale.

Il Presidente Biscarini fin dall’inizio del suo mandato ha inserito tra le sue priorità il presente tema, da affrontare sulla base dei dati, per poter impostare una proposta organica che consenta di ottenere un risultato che avvantaggi sia la comunità studentesca, sia l’intero territorio, attualmente vessato da tassi di motorizzazione superiori alla media nazionale.
“Il primo grosso scoglio è stato reperire il numero di abbonati che usufruiscono delle agevolazioni tariffarie per gli studenti universitari: l’Università di Perugia dichiara infatti di non essere mai riuscita ad entrare in in possesso di tali numeri; Comune e Regione, nonostante un protocollo di intesa preveda il rendiconto annuale di questi dati, ne sono venuti in possesso solo dopo esplicita richiesta a Busitalia, che in un primo momento si era rifiutata di trasmettere tali dati adducendo motivazioni di segreto economico e commerciale. Tutto ciò è stato reso possibile solo in seguito delle nostre forti sollecitazioni.” dichiara Biscarini.
L’analisi dei numeri ha confermato in maniera impietosa le previsioni: nell’anno 2017 sono stati 597 gli abbonamenti urbani annuali universitari (pari a solo il 2,6% sul totale degli iscritti), mentre quelli extraurbani sono 83. Nemmeno mensili e trimestrali risollevano la situazione che vedrebbe un numero totale di utenti stimati non maggiore alle 2000 unità.

Di fronte a questi dati il primo tema che il tavolo ha discusso è stato l’abbassamento dei prezzi degli abbonamenti. Spiega Biscarini “La proposta ideale sarebbe quella elaborata nell’ultimo anno e mezzo dalla Sinistra Universitaria Udu Perugia. Considerato infatti l’elevato numero di pendolari, sarebbe opportuno un abbonamento annuale che permetta di usufruire dell’intera rete di trasporti regionale, urbana ed extraurbana, ad un prezzo estremamente conveniente, che secondo le stime non arriverebbe a superare i 50€ all’anno, qualora fosse sottoscritto dalla maggior parte degli studenti iscritti, stanti gli attuali ridottissimi introiti del TPL provenienti dalla popolazione studentesca”. Il Comune di Perugia aveva inserito un’idea simile all’interno del PUMS, dove si proponeva l’abbonamento per il solo territorio comunale ad un prezzo di 100€, cifra considerata tuttavia non funzionale all’aumento dell’utenza. Entrambi gli enti si sono detti comunque disponibili a valutare nei prossimi giorni la proposta degli studenti ed un’eventuale mediazione sui costi, considerate le previsioni sul numero degli abbonamenti sottoscritti in funzione dell’abbbassamento di prezzo e il necessario potenziamento delle linee.

Il secondo punto programmatico affrontato dal tavolo, fortemente atteso dagli studenti di Perugia, ma non solo, è stato GIMO, il primo servizio di mobilità notturna attivo fino a Luglio 2018 ed inspiegabilmente sospeso negli ultimi mesi. Nonostante gli ottimi risultati in termini di utenza, confermati positivamente anche dall’assessore Casaioli, il Comune non ha ritenuto necessario inserirlo all’interno della pianificazione del trasporto locale. La Regione, che aveva interamente finanziato il servizio, prende tempo in attesa di capire le scelte dell’amministrazione del capoluogo.
“La componente studentesca accoglie con tiepido favore l’estensione di alcune corse fino ad orario notturno, presente nel PUMS, che non vedrà applicazione prima del 2020. Proprio in questa ottica stupisce ancora di più la sospensione del servizio GIMO che, nonostante lo scarso investimento comunicativo del Comune, aveva creato un’ampia utenza fidelizzata all’idea di trasporto notturno, in linea con i numeri dell’utenza diurna. Il fatto che il tavolo odierno si sia concluso con l’ennesimo rinvio della questione ci amareggia, ma non ci fa desistere, i dati e i fatti sono dalla nostra parte: Perugia, città universitaria, deve avere questo tipo di servizio” conclude Biscarini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1