Insalata in busta, studio-choc dell’Università di Torino: dove la conservano, quale grave malattia rischi

febbraio 26th, 2019
Insalata in busta, studio-choc dell’Università di Torino: dove la conservano, quale grave malattia rischi
Ricerca
0

L’insalata in busta? Nasconde parecchie insidie. È quanto mette in evidenza uno studio dell’Università di Torino condotto su un campione di 100 insalate in busta: il dati riportati sono particolarmente spaventosi, in particolare per l’elevata quantità di microrganismi e batteri presenti nei prodotti analizzati. Lo studio mette inoltre in evidenza come l’insalata confezionata tenda a deteriorarsi molto più facilmente, arrivando ad una data di scadenza decisamente precoce: infatti, anche se non ci sono conservanti e la freschezza dovrebbe essere garantita dalla busta stessa e dalla temperatura, dal confezionamento al consumo possono passare anche diversi giorni. E questo ha un ruolo decisivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1