Crolli nelle scuole, sempre più frequenti cedimenti dei controsoffitti negli istituti italiani

maggio 20th, 2019
Crolli nelle scuole, sempre più frequenti cedimenti dei controsoffitti negli istituti italiani
Scuola
0

In italia sono più di 17 mila gli edifici scolastici si trovano in aree con una pericolosità sismica alta o medio-alta. Quasi la metà delle scuole del Paese non possiede certificati di abitabilità e solo il 53% ha quello di collaudo statico.

Dal 2013 si sono registrati oltre 250 crolli e dal 2001 l’insicurezza delle scuole ha provocato 39 vittime tra gli studenti. Una fotografia implacabile quella del Rapporto di Save the Children e di Cittadinanzattiva presentato oggi alla Camera, dove le associazioni chiedono che venga presentata e discussa dal Parlamento una proposta di legge organica che completi e riordini tutta la normativa.

L’ultimo caso è di poche ore fa. E’ successo alla Primaria Deledda di Gorgonzola, comune della città metropolitana di Milano.  Due pannelli del controsoffitto di un’aula della Primaria Deledda di Gorgonzola sono improvvisamente caduti a terra. Per fortuna l’evento si è verificato nel fine settimana, quando nella scuola non c’era nessuno.  La scoperta, avvenuta oggi, lunedì 20 maggio 2019, alla riapertura della scuola di via Mazzini da parte del personale inserviente, ha colto di sorpresa il Comune di Gorgonzola che aveva effettuato un sopralluogo in prossimità del periodo natalizio, dopo i lavori di manutenzione straordinaria compiuti la scorsa estate. Per poter trasformare in aula ordinaria, lo spazio utilizzato come laboratorio a causa dell’eccessivo soleggiamento, l’Ufficio lavori pubblici aveva sostituito i serramenti con l’introduzione di parapetti interni anticaduta, realizzato la schermatura delle vetrate tramite tende oscuranti estensibili, impermeabilizzata e bonificata la copertura esterna e inserito l’impianto di condizionamento. Il crollo non ha causato danni alle persone anche perché il controsoffitto è realizzato con pannelli ultraleggeri in fibra minerale. Nonostante la buona notizia, la situazione delle scuole italiane di ogni genere e grado non è delle migliori.

Sempre più spesso, ci capita di raccontarvi e riportare casi simili. Infatti, oggi, quello della scuola di Gorgonzola non è l’unico caso. Anche in Piemonte, a Rivarolo Canavese è crollato il controsoffitto in una scuola media colpendo due ragazze. Una è stata colpita in testa,  ed è stata accompagnata al pronto soccorso di Cuorgnè dal padre e la sua compagna si è ferita al braccio. Subito sono intervenuti i tecnici comunali e l’aula, che si trova nell’ala ristrutturata nel 2003, è stata interdetta, chiusa per precauzione anche la classe adiacente visto che il crollo ha riguardato la parte finale del muro. Nel pomeriggio sono andati sul posto anche i carabinieri che hanno avviato degli accertamenti. “La paura è stata tanta e visto l’episodio possiamo dire che è andato tutto bene perché le parti più grosse non hanno colpito nessuno”, spiega il preside reggente dell’istituto di Rivarolo, Alberto Focilla. Intanto la mente torna subito al crollo del liceo scientifico Darwin, sempre nello stesso comune del Torinese, che causò la morte del giovane Vito Scafidi, di 17 anni, nel novembre del 2008. In quel caso crollò il soffitto di un’aula e colpì in totale quattro persone.

 

Altri casi di cui vi abbiamo raccontato:

Scuole mortali: 39 vittime e più di 250 crolli in sei anni

Maltempo in Italia. Crollo in aula studio al Politecnico di Milano

Crolla il controsoffitto all’istituto Meucci. Gli studenti: “Siamo dei miracolati”

Crollo al liceo Virgilio, cade una tegola dal tetto: studentessa ferita

Gli crollò addosso il tetto della scuola; ora è un campione alle Paralimpiadi: la grande storia di Andrea Macrì

Torino, crolla il controsoffitto a scuola: nessun ferito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1