Scossa di terremoto in Puglia

maggio 21st, 2019
Scossa di terremoto in Puglia
Scuola
0

Avvertita alle 10.13, magnitudo 3.9, tra le province di Barletta, Andria e Trani. Molte persone in strada. Evacuato il Palagiustizia di Bari. Danni alla chiesa di Trani

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita martedì mattina, alle 10,13, in Puglia. La scossa sismica, registrata dalle strumentazioni dell’Ingv (Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia), è stata avvertita distintamente dalla popolazione nella provincia di Barletta. Si tratterebbe di una scossa di magnitudo 3.9, con epicentro a 34 km di profondità, a quattro chilometri da Barletta.

Scuole e uffici evacuati

La scossa è stata avvertita in diversi comuni della provincia di Bat e anche a Bari, dove sono stati evacuati gli uffici giudiziari di via Dioguardi, sede della Procura e parte del Tribunale Penale, oltre all’ex sezione distaccata di Bitonto. Sono state momentaneamente sospese le udienze, ma non evacuata la sede, anche negli edifici giudiziari di Modugno, alle porte del capoluogo, mentre a Bitonto e a Barletta sono state evacuate anche le scuole. La Protezione civile della Regione Puglia è al lavoro per le verifiche delle strutture, in collaborazione con gli enti preposti.

Da Bitonto a Trani

Panico tra i cittadini: molte le persone che sono uscite in strada. A Bitonto è stata evacuata la stazione ferroviaria; i bambini e ragazzi di scuole medie e superiori sono stati condotti nei punti di raccolta; evacuati anche diversi uffici pubblici come l’anagrafe. A Trani il sisma ha provocato il crollo di una parte della facciata barocca della chiesa di San Domenico, già recintata in quanto pericolante. Si sono staccati pezzi in pietra del timpano, che sono caduti sul sagrato senza provocare danni. Stando alle prime informazioni raccolte dalla sala operativa dei vigili del fuoco, a fronte delle numerose chiamate di allarme ricevute, il sisma non avrebbe prodotto danni.

Scossa sulla costa adriatica

Negli ultimi giorni molte scosse si stanno avvertendo nelle regioni meridionali, le ultime ieri pomeriggio in Calabria (magnitudo 2.9). Nella notte una leggera scossa, magnitudo 2,4, è stata avvertita a Ostuni. Mentre alle 6,45 di martedì, un sisma di magnitudo 3,3 è stato registrato sul litorale adriatico, al largo di Civitanova, nelle Marche. L’epicentro in questo caso era a 7,9 chilometri di profondità, a circa 18 km dal litorale. Nessun danno è stato segnalato.

corriere.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1