Post Diploma – Studiare Ingegneria all’Università, cosa c’è da sapere

giugno 25th, 2019
Post Diploma – Studiare Ingegneria all’Università, cosa c’è da sapere
Università
0

Benvenuti nella sezione POST DIPLOMA – Studiare all’Università. Una rubrica tratta dalla sezione Orientamento all’Università della Guida alla Maturità 2019

La sezione di orientamento all’Università, vi darà la possibilità di guardare oltre il diploma, Facoltà per Facoltà, con tutti gli indirizzi, gli obiettivi formativi e gli sbocchi occupazionali.

Hai scelto di leggere: INGEGNERIA !!

OBIETTIVI FORMATIVI
Obiettivo generale del Corso di Laurea in Ingegneria è di formare tecnici con una preparazione di tipo trasversale rispetto ai tradizionali settori dell’ingegneria industriale, con la capacità di integrare conoscenze tipiche di tutta l’ingegneria industriale con una buona conoscenza dei problemi e dei metodi di organizzazione e gestione dell’azienda e dei processi di produzione e logistici in particolare. Allo scopo di una preparazione ampia e trasversale è finalizzata anche l’effettuazione di stage ed esperienze professionalizzanti, per consentire un pronto e fruttuoso inserimento in una grande varietà di aziende manifatturiere e di processo. La preparazione del laureato lo rende in grado di operare con visione interdisciplinare dei problemi, senza eccessiva specializzazione tecnologica ma con buona predisposizione al lavoro in collaborazione con tecnici e manager di diversa estrazione e con capacità di rapido adeguamento delle proprie abilità al variare delle esigenze dell’impiego.

Il profilo professionale è quello di un professionista che possiede una visione complessiva ed interdisciplinare delle problematiche coinvolte nella gestione di in un sistema produttivo e logistico e la capacità di utilizzarla sia in attività di configurazione, dimensionamento, installazione ed avviamento di un tale sistema sia in attività di organizzazione, conduzione, gestione e manutenzione del sistema stesso.

SBOCCHI OCCUPAZIONALI
Nella strutturazione del percorso formativo e nell’individuazione delle conseguenti opportunità di occupazione dei laureati in Ingegneria, si sono tenuti in particolare considerazione:
– le peculiarità specifiche del naturale bacino socio-geografico a cui i laureati si affacciano e che si è connotato, in maniera sempre più marcata, secondo una dimensione internazionale delle imprese
– il consolidato apprezzamento, nel bacino stesso, per la figura dell’ingegnere industriale in genere e gestionale, progressivamente delineatosi negli anni trascorsi dall’attivazione del corso di laurea e che porta ad avere elevatissimi livelli di assorbimento occupazionale.
Infine si è prestata attenzione anche al momento di incisiva ristrutturazione che stanno attraversando il settore industriale produttivo e quello dei servizi, con un conseguente ruolo strategico richiesto alla Facoltà di Ingegneria e alle sue lauree della Classe di Ingegneria industriale nell’accompagnare positivamente questa fase.

Di conseguenza l’attenzione è rivolta alle piccole e medie imprese che costituiscono, con larga prevalenza, il tessuto produttivo locale, alle industrie di processo che sono storicamente radicate, alle grandi imprese ed alle aree di eccellenza che connotano, in termini di qualità, il tessuto produttivo. Contemporaneamente, sono considerate le opportunità ed esigenze che caratterizzano le aziende di servizio e consulenza, la Pubblica Amministrazione ed i settori recentemente emersi come particolarmente strategici (ad esempio, energia, sanità e settore finanziario). Ne scaturiscono prospettive occupazionali molto positive.


 

La rubrica POST DIPLOMA – Studiare all’Università è tratta dalla sezione Orientamento all’Università della Guida alla Maturità. Scarica la versione completa della GUIDA ALLA MATURITA’2019 di CorriereUniv e resta connesso con noi per tutte le notizie sull’esame di stato 2019!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1