Università green: alcuni esempi di campus sostenibili

novembre 13th, 2019
Università green: alcuni esempi di campus sostenibili
Ricerca
0

I campus universitari italiani si adeguano agli obiettivi di sostenibilità ambientale, sperimentando soluzioni da replicare anche nelle città.

L’esperienza accademica si articola ormai all’interno di vere e proprie città universitarie. Oltre gli storici atenei nei centri cittadini, ci sono i moderni campus che offrono servizi e spazi di aggregazione, necessitano di un consistente fabbisogno energetico e devono gestire in maniera efficiente le proprie risorse e i propri rifiuti.

Diversi campus italiani, nell’ultimo decennio, si stanno adeguando agli obiettivi di sostenibilità ambientale e sociale contenuti nell’Agenda 2020 per lo sviluppo sostenibile. Oltre 70 atenei si sono affiliati alla Rete delle Università per la sostenibilità (RUS), al fine di condividere studi e buone pratiche da far conoscere anche alla società.

Università green:

il Campus di Savona auto-produce energia pulita

Smart Energy Building

Lo Smart Energy Building, inaugurato nel 2017 nel Campus di Savona, è il primo edificio universitario a emissioni inquinanti zero, che attinge energia dalla geotermia, dal sole e dalle attività sportive degli studenti di Scienze motorie

L’Università di Genova, col contributo di Enel, Siemens e ministero dell’Ambiente, ha dotato il campus di Savona di un sistema smart grid. Un impianto di cogenerazione a gas alimenta la rete di teleriscaldamento delle palazzine e, col supporto di pannelli solari, produce energia elettrica. Il campus ligure auto-produce l’energia necessaria ai propri fabbisogni, con un ridotto impatto ambientale.

Nel 2017 è entrato in funzione lo Smart Energy Building, edificio a zero emissioni inquinanti. La palazzina, infatti, sfrutta la geotermia del sottosuolo per il riscaldamento e il raffrescamento. L’impianto fotovoltaico produce l’energia elettrica necessaria alla struttura, collegandosi alla smart grid in caso di necessità o per cederne eventuali picchi energetici. Anche gli studenti di Scienze motorie producono energia elettrica, utilizzando gli attrezzi ginnici del laboratorio.

Il Campus di Savona è stato annoverato tra le cento eccellenze energetiche italiane presentate alla Cop 21 di Parigi. La sala comandi della smart grid accoglie studiosi e amministratori locali, interessati a conoscere soluzioni di sostenibilità energetica, replicabili anche nelle città.

Roma, le università riducono gli sprechi e l’impronta di carbonio

Alla LUISS Guido Carli di Roma, la comunità universitaria si impegna a ridurre la propria impronta di CO2. Per la mobilità di studenti e docenti, l’università mette a disposizione navette a basse emissioni (5 a gas e 2 a trazione totalmente elettrica). L’ateneo ha anche lanciato una campagna per la riduzione della plastica, distribuendo borracce e installando erogatori d’acqua.

Con il Premio Non sprecare 2019, la LUISS cerca idee dal basso per rendere le città più verdi e, di conseguenza, ridurre la CO2 nell’aria. Cittadini e associazioni sono chiamati a fornire idee di aggregazione sociale, per piantare alberi nelle città e prendersene cura.  Il concorso coinvolge giovani, scuole, università, start-up e associazioni. Le ideepotranno anche essere finanziate con la formula del crowd-funding.

L’Università Campus Bio-medico ha riorganizzato a Roma in chiave sostenibile il servizio di mensa mensa universitaria. Per ridurre gli sprechi e rendere i cibi più fragranti, gli studenti si servono di una cucina espressa, a cui si aggiunge un’area dedicata a frutta e insalate. Per velocizzare i transiti, l’attesa è ai tavoli e un dischetto elettronico avvisa quando le pietanze sono pronte. Gli arredi interni possiedono la Certificazione di Custodia FSC, che certifica la provenienza del legname da foreste gestite responsabilmente.

 

ambienteambienti.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1