twitter facebook Google+ RSS
Loading...
You are here:  Home  >  Lavoro e Stage  >  Le Aziende si Presentano  >  P&G Italia: “Esperienze extra-studio per profili ad hoc”

P&G Italia: “Esperienze extra-studio per profili ad hoc”

img_0442a.jpgProcter & Gamble è una realtà produttiva affermata nel campo dei beni di largo consumo cosmetici e farmaceutici. Ma quanto conta ai fini della selezione il fatto che il candidato abbia solide conoscenze nel ramo scientifico? A rispondere è Giampaolo Calcari, direttore risorse umane P&G Italia. “Conta molto a seconda del ruolo che il candidato dovrà ricoprire in azienda per esempio nella ricerca e sviluppo, nelle relazioni esterne tecnico scientifiche, nella produzione o nel settore farmaceutico. Meno ovviamente per altri rami più istituzionali. L’importante in tutti i casi è non fermarsi alla sola valutazione accademica del candidato, ma cercare in lui altri requisiti che ne mettano in risalto capacità di leadership, comunicazione e attitudine ad un lavoro di squadra”
Quali sono le caratteristiche che esulano dal percorso di studio e che sono ugualmente importanti per entrare in azienda e fare carriera?
La preparazione accademica e il voto di laurea sono elementi importanti per una prima valutazione della persona, ma non sono tutto. Quello che cerchiamo è un profilo che sia il più possibile “completo”. In questo senso le esperienze extra-studio ad esempio sportive, di volontariato, multicurali, sono aspetti aiutano a capire le potenzialità del candidato. P&G è una delle poche aziende al mondo che si basa sulla “promozione dall’interno”, ovvero tutti i manager dell’Azienda, ad iniziare dai vertici, sono persone cresciute in P&G. Noi non assumiamo managers, di livelli intermedi provenienti da altre aziende, ma esclusivamente neolaureati. Questo aspetto è determinante nella scelta dei candidati, nei quali non soltanto dovremo valutare se sono in grado di ricoprire un certo incarico nell’immediato, ma, fondamentale, se potranno essere i leaders P&G del futuro. In un concetto: dalle nostre scelte dipende il futuro di P&G.
E’ indispensabile che i candidati abbiano una buona padronanza delle lingue e che siano disponibili a trasferte sul territorio nazionale e all’estero?
Avere una buona conoscenza della lingua inglese è importante anche se c’è la possibilità di migliorarla con corsi all’interno dell’Azienda. Essere invece disponibili a viaggiare è invece fondamentale in un contesto globale come quello P&G. Anche perché ai candidati che passano le selezioni in Italia potrebbe essere offerto da subito anche un ruolo in una delle nostre sedi all’estero. P&G infatti ha un unico sistema di selezione per tutta l’Europa che fa si che tutte le sedi Europee possano attingere al bacino di candidati selezionati in Italia e viceversa.
Il canale privilegiato per il reclutamento dei giovani neolaureati è rappresentato dallo stage. Chi può candidarsi?
Chiunque può proporsi purchè non abbia avuto precedenti e prolungate esperienze di lavoro in altre aziende e candidare il proprio curriculum vitaè sul sito www.pgcareers.com, compilare un questionario ed iniziare il processo di selezione che prevede, dopo un primo screeening, un test logico matematico superato il quale si accede alle interviste one-to-one. Abbiamo ottime partnership con tutti gli atenei in Italia dove siamo presenti frequentemente nelle università italiane con i nostri managers per far conoscere l’Azienda agli studenti e per invitarli a vivere “una sfida nuova ogni giorno” candidandosi per uno stage in P&G.
In che percentuale gli stagisti vengono riconfermati con un contratto di lavoro?
Lo stage è un periodo di formazione molto importante per i ragazzi nel quale oltre ad una intensa attività di coaching giornaliero si offre loro la possibilità di lavorare dando il proprio contributo di idee, su un progetto reale di business, alla stregua degli impiegati già assunti. Tutti i nostri stages sono retribuiti e per chi non risiede a Roma offriamo anche l’alloggio in residence. Lo stage è una fase di “fidanzamento” tra i ragazzi e l’Azienda nel quale entrambi devono capire se son fatti l’uno per l’altra. Fortunatamente la percentuale di “matrimoni” è alta: una dimostrazione dell’efficacia del nostro processo di selezione che ci porta ad identificare spesso da subito i giusti candidati.


Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>