Prestiti d’onore?
Studenti ottimi pagatori

2 Febbraio, 2009

chiedi_prestito.jpgFidarsi degli studenti conviene. Lo ha toccato con mano Intesa Sanpaolo che ha reso noti i primi dati del prestito “Bridge”. Tra i primi istituti di credito a prevedere prestiti d’onore, la Sanpaolo ha inaugurato il servizio nel 2004 e i risultati confermano che la scelta è stata oculata: il rischio di insolvenza, ovvero la non restituzione del finanziamento, è risultato praticamente nullo.

Su 700 studenti che hanno già iniziato a saldare il debito, solo uno è in ritardo con i pagamenti. Il tasso di insolvenza insomma è pari allo 0,14%. I numeri di Intesa Sanpaolo evidenziano la convenzienza per le banche ad accordare prestiti agli studenti, che si rivelano ottimi pagatori. E gli universitari ci guadagnano: possono infatti contare su un bel po’ di soldi per finanziasi un corso di studio superiore.

Il prestito Bridge, nello specifico, può essere accordato a studenti del terzo anno della triennale, della specialistica o di iscritti ad un master. Chi lo richiede deve dimostrare di essere in regola con gli esami (o più in generale di avere costanza nel rendimento). Per restituirlo poi c’è tempo: si inizia infatti un anno dopo aver terminato gli studi con rate mensili spalmate su un arco di otto anni. Ma fino a quanto si riesce ad ottenere? Massimo 15mila euro per gli studenti universitari e fino a 30mila per chi frequenta un master. Molte università hanno già convenzioni con le banche e per richiedere un prestito d’onore ci si può rivolgere agli uffici predisposti dall’ateneo. Chi dimostrerà di avere i requisiti necessari otterrà l’apertura di un conto corrente sul quale verranno accreditate tranche semestrali del prestito.

Intesa Sanpaolo naturalmente non è l’unica a credere nei giovani. Altre tipologie di prestito sono previste anche da (tra le altre) Unicredit e Banca Sella. Una domanda è lecita: i tassi di interesse sono clementi con i giovanissimi che contraggono (molto probabilmente) il primo debito? Ebbene, anche sotto questo punto di vista conviene. RIspetto ai prestiti personali, il tasso è ridotto di circa la metà (9/10% vs. 4/5%). Chissà che non sia arrivato il momento di incentivare una pratica che in Europa è già molto diffusa.

2 Comments

  1. Antonio says:

    Gentilissimi,
    sono Antonio De Luca, piccolo imprenditore di 18 anni, titolare di partita iva 04248030266 e titolare di impresa individuale DELUX PC (www.deluxpc.eu) iscritta alla Camera di Commercio di Treviso; la passione e la conoscenza approfondita dell’informatica e dell’elettronica mi hanno portato ad offrire a chi ha bisogno, appunto, la mia conoscenza offrendo quindi svariati servizi di informatica ed elettronica.
    Per mezzo di una commercialista di fiducia ho avviato legalmente la mia attività esattamente l’11/09/2008 (data d’inizio attività).
    Come primo investimento ho stanziato 15000€ che però, per l’acquisto di qualche “macchina” per esercitare la mia attività, e altre spese, ora ho sentito del finanziamento a fondo perduto + finanziamento agevolato che la regione Veneto assieme alle Camere di Commercio (e anche il Governo) mettono a disposizione delle medie e piccole imprese attraverso banche che si rendono disponibili.
    Volevo sapere se potrei fare domanda di questo finanziamento (o di un prestito d’onore), e se possibile, ricevere qualche altra informazione. Per me questo finanziamento è veramente importante.
    In attesa di un Vs. celere riscontro preferibilmente via mail, vi saluto cordialmente e vi auguro buon lavoro.
    Attendo risposta.
    Cordialità,
    Antonio De Luca

  2. IlVecchio says:

    L’interesse è probabilmente del 7% -> .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1