Enea, porte aperte ai ricercatori aquilani

18 Aprile, 2009

ricercatorienea.jpgL’Enea apre i suoi laboratori per ospitare i ricercatori dell’Università dell’Aquila colpita dal sisma del 6 aprile scorso. Luigi Paganetto, presidente dell’Enea, ha infatti offerto al rettore dell’Università dell’Aquila, Ferdinando Di Orio, la sua disponibilità ad accogliere presso i Centri di Ricerca laziali dell’Ente i ricercatori dell’Ateneo abruzzese. Questa ospitalità consentirà, ha spiegato Paganetto, di portare avanti quelle attività di ricerca che sono state interrotte a causa della inagibilità delle strutture danneggiate dal terremoto.

Paganetto, quindi, ha espresso la sua solidarietà ai ricercatori universitari dell’Aquila in un messaggio al rettore Di Orio. «È con grande tristezza – ha scritto Paganetto – che in questo momento di lutto, Ti esprimo la mia partecipazione alla tragica vicenda che ha colpito L’Aquila, l’Abruzzo e tutto il paese. Ho ancora negli occhi e nella mente i tanti cari giovani che affollavano l’Aula Magna per l’inaugurazione dell’Anno Accademico e mi sembra impossibile che la Città e l’Università siano state colpite da una tale tragedia».

«Sai certamente che l’Enea – ha proseguito Paganetto – si è mobilitato sin dal primo momento con un mezzo mobile sul posto. Voglio aggiungere che siamo pronti a contribuire con l’ospitalità nei laboratori Enea, per quei colleghi che volessero continuare la loro opera nella nostra Regione».

Manuel Massimo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1