La protesta dei lettori di madrelingua

19 Maggio, 2010

Nonostante le finestre siano chiuse, davanti al Senato – nel giorno della mobilitazione dell’università contro il ddl Gelmini – ci sono anche i loro fischietti: quelli dei lettori di madrelingua. Una presenza che non dovrebbe stupire considerando le 4 sentenze della Corte Europea contro l’Italia per la discriminazione della loro categoria. E a confermare la mancanza di attenzione del nostro paese nei confronti delle lingue intervengono le statistiche europee: l’Italia è dietro tutti per le competenze linguistiche.

”Insegno da 23 anni – ci racconta John Gilbert, lettore di lingua e letteratura straniera all’università di Firenze”. “Oggi siamo qui oggi per dire no alla riforma Gelmini, una riforma che porta nella direzione dell’aziendalismo e della privatizzazione dell’università pubblica. Vogliamo inoltre dire no alla legge 133, che prevede tagli micidiali alla formazione: un miliardo e mezzo in tre anni”.

“Come in ogni riforma universitari – ci spiega John – si mira sempre a colpire i soggetti più deboli. A Siena, un ateneo con grandi problemi di bilancio, i tagli sono iniziati dal basso. Il consiglio di amministrazione ha deliberato di abrogare il contratto locale dei lettori di madrelingua e dal primo maggio i lettori di Siena riceveranno solo il trattamento fondamentale previsto dal contratto nazionale ovvero 800 euro al mese”. E a Firenze la situazione non è migliore, “dal 1 gennaio 2008 abbiamo un trattamento integrativo che è circa il 60% dello stipendio. Un trattamento che in caso di malattia, con la legge Brunetta, viene considerato accessorio”.

“Sappiamo – conclude John – che tutti gli altri paesi del mondo investono in formazione, solo qui in Italia stanno destrutturando tutto il sistema pubblico: dalla scuola d’infanzia all’università. Il governo mostra di non voler sentire, ma ad essere cancellato non sarà solo il mio futuro, ma quello della formazione”.

Anna Di Russo

Comments are closed.

UA-37172975-1