Concorso “InvFactor”, vince l’idea del colore naturale

20 Settembre, 2012

Hanno meno di 20 anni e dai banchi di scuola sono saliti in cattedra per spiegare la loro idea vincente. Sono gli studenti dell’istituto tecnico di Cannizzaro di Catania, i finalisti del concorso InvFactor – anche tu genio!, organizzato dal Consiglio nazionale delle ricerche (Irpps-Cnr) e dalla Rappresentanza in Italia della Commissione europea.

Il primo premio. I coloranti naturali e l’acqua pulita, alla base del loro progetto “vestiamoci con i colori della natura”  gli hanno permesso di salire per primi sul podio. Oggi una giuria di esperti li ha premiati, nello Spazio Europa a Roma, per la loro idea di estrarre i coloranti da matrici vegetali. Sul tavolo della loro invenzione ravanelli, cavoli rossi carciofi e cipolla dorata, i principali componenti utilizzati per creare colore. Un colore a prova di lavatrice. “Abbiamo notato – spiega Daniele Timpano, uno degli inventori, insieme a Michela di Nanno, del progetto – che i coloranti sintetici possono creare allergie, per questo abbiamo deciso di creare un prodotto completamente naturale che risultasse ottimo anche dopo intensi lavaggi”.

Secondo e terzo classificato. Oltre al colore, le tecnologie vincitrici della terza edizione del concorso rivolto all’ingegno di classe hanno riguardato anche la sicurezza stradale. Il secondo premio è andato ad ‘Alpha track’, un dispositivo antiribaltamento per trattori agricoli, messo a punto dagli studenti dell’Ipia ‘G. Galilei’ di Bolzano. Il terzo posto è invece stato conquistato da ‘Street robot’, un plastico che riproduce situazioni di traffico, finalizzato a migliorare la sicurezza stradale, realizzato da allievi dell’ E. Fermi’ di Roma.

Un riconoscimento tutto rosa. Una medaglia poi alla creatività femminile, che quest’anno è stata vinta dall’Iistituto Gadda di Paderno Dugnano, in provincia di Milano con ‘Acqua pulita per tutti’ un metodo alternativo per il disinquinamento delle acque.

Ai vincitori però non resterà solo una targa. Aziende e centri di ricerca sono pronti ad incontrarli e una ulteriore luce la accenderanno durante la Notte europea dei ricercatori’. Un posto, a loro, è stato sicuramente riservato.

 

 

 

 

 

Comments are closed.

UA-37172975-1