Il curriculum ora si manda su Twitter

29 Ottobre, 2012
Il curriculum ora si manda su Twitter
Attualità
0

Un curriculum brillante e creativo e una bella lettera di presentazione possono non essere sufficienti per trovare lavoro. Ormai i recruiter solcano il web alla scoperta di nuovi candidati e i social network sono il luogo ideale dove cercare.

Tenere aggiornato il proprio profilo su Linkedin è indispensabile ma dall’America sta arrivando in Italia una nuova tendenza: il “twesume“. Letteralmente, si tratta dell’unione delle parole “twitter” e “resume”, ossia è un tweet che sintetizza in 140 caratteri (spazi inclusi) il curriculum del candidato, che viene poi ritwittato e condiviso con i potenziali datori di lavoro.

L’idea è venuta a Skaare Richard, un consulente nell’ambito della comunicazione, che nel 2008 scrisse un post dal titolo “Il curriculum in 140 caratteri”: un’idea vincente perché «la brevità stimola la mente e accelera l’anima». Un fenomeno in crescita che ha attirato all’attenzione di Mashable, il sito di notizie sui social network più letto degli Stati Uniti, su cui Sean Weinberg, co-fondatore di RezScore, ha analizzato le potenzialità del twesume.

Un esempio “vincente”? Prendete Babbo Natale, alias Santa Claus in inglese: “World traveler and toy expert. 300+ years management experience. Looking for position in entertainment industry. http://tinyurl.com/c9ursdp #twesume“.

Per creare un buon twesume bisogna essere creativi, scrivere solo le informazioni di base (chi sono, che cosa faccio, quali sono le mie aspirazioni lavorative) e inserire il link al curriculum completo, su Linkedin o sul proprio sito web. Fondamentale è la condivisione: non basta pubblicarlo sul proprio profilo, bisogna condividerlo con le aziende e i recruiter dai quali si vuole essere notati.

Chiara Cecchini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1