I sentimenti animali sono simili a quelli umani

26 Agosto, 2013

sentimenti animali

Sentimenti animali  La conferma arriva dagli etologi americani che studiano l’elaborazione del lutto tra corvi e scimpanzé Scoperte che infiammano il dibattito sull’utilizzo della sperimentazione animale nella ricerca scientifica

 

Quali sentimenti provano gli animali? Quanto sono simili ai nostri l’affetto, il dolore o l’amicizia nel regno animale?

Non si tratta di determinare se cani e gatti abbiano o meno espressioni che ci riescono dolci o simpatiche, ma di capire se i loro sentimenti, così come i nostri, determinano i loro comportamenti.

A occuparsi di simili questioni c’è una specifica branca dell’etologia, che, in particolare negli Stati Uniti, sta effettuando scoperte sorprendenti.

I ricercatori americani, infatti, stanno studiando come gli animali elaborano il lutto e i risultati ricordano da vicino le nostre pratiche.

I corvi, ad esempio, circondano il defunto, in silenzio, e lo ricoprono con rami e foglie, quasi una sepoltura; mentre le femmine di scimpanzé, quando perdono uno dei loro figli, continuano a portarlo con sé e a curarlo, anche per due mesi, quando il piccolo è ormai completamente mummificato.

“La morte di un individuo è un cambiamento importante in una comunità animale, segna la rottura dell’attaccamento” ha confermato Francesco Dessì Fulgheri, etologo dell’Università di Firenze.

Ma ci sono altre circostanze in cui i comportamenti animali sono determinati da sentimenti del tutto simili a quelli umani: basti pensare alle manifestazioni di amicizia tipiche di un qualsiasi branco o a quelle d’amore e fedeltà.

Lupi e cigni, ad esempio, ma anche alcune specie di uccelli marini, sono famosi esempi di monogamia: quando perdono il/la loro compagno/a non ne cercano un altro/a e a volte arrivano a lasciarsi morire per il dolore.

Testimonianze che ricordano quanto sia importante, e in parte già conosciuta, la sfera affettiva ferina; proprio in questi giorni in cui il mondo della ricerca scientifica si sta dividendo nel dibattito a favore o contro la sperimentazione animale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1