I test d’ingresso 2015 si potranno fare “a distanza”

8 Aprile, 2015
I test d’ingresso 2015 si potranno fare “a distanza”
Attualità
0

Dopo la sperimentazione dello scorso anno, l’Università di Milano-Bicocca introduce il test a distanza per due corsi di laurea: Scienze e tecniche psicologiche e Scienze psicosociali della comunicazione. Da Torino a Reggio Calabria, sono venti le sedi dove è possibile svolgere la prova

I test d’ingresso 2015 si faranno anche nella modalità “a distanza”. E’ la novità per gli studenti delle scuole superiori che vogliono iscriversi ai corsi di Scienze e tecniche psicologiche e Scienze psicosociali della comunicazione dell’Università di Milano-Bicocca. Dopo la sperimentazione dell’anno passato, quindi, si parte con la possibilità ufficiale di sostenere il test d’ammissione a distanza in modalità CBT (computer based test).

«Questa novità – spiegano Maria Elena Magrin, presidente del corso in Scienze e tecniche e psicologiche e Patrizia Steca, presidente del corso in Scienze psicosociali della comunicazione –, si inscrive in una logica di semplificazione delle procedure di selezione e di riduzione dei costi sostenuti, in particolar modo, dai candidati fuori sede, a vantaggio delle famiglie e degli studenti attualmente impegnati nella preparazione dell’esame di maturità».

Lo scorso anno, a sperimentare la modalità di test da remoto era stato il corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche. Con il CBT non sarà necessario raggiungere la sede dell’Ateneo per fare il test ma lo si potrà sostenere in una delle 20 sedi certificate e accreditate in tutta Italia: da Roma a Bologna, da Verona a Cagliari, da Ancona a Torino a Reggio Calabria.

Il computer based test, che affianca il tradizionale test in sede, il paper based test (PBT), è stato progettato attraverso un accordo con il Consorzio Cineca, che ha sviluppato una piattaforma dedicata e ha certificato le sedi di svolgimento.

Tre le date previste per sostenere le prove: 24 aprile 2015, 30 aprile 2015 e 8 maggio 2015Il test a distanza consiste in una batteria di 100 domande a risposta multipla alle quali rispondere in 75 minuti, esattamente come per la prova cartacea. Il punteggio finale della prova è immediatamente visualizzato sulla postazione del candidato al termine del test, e vale il 50 per cento del punteggio finale di ammissione (l’altro 50 per cento è determinato dal voto di maturità). Per permettere ai candidati di familiarizzare con il test da remoto è stato anche realizzato un simulatore online che riproduce, in maniera ridotta nel numero e nel tempo a disposizione, le domande e le modalità di funzionamento del software.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1