Nicoletta Labarile

Erasmus Stories

Giornalista pubblicista, dott
ssa in Comunicazione, studentessa in Giornalismo, temeraria fuori sede, storyteller incallita,ultima romantica

“Parigi ha la chiave del cuor”

4 Dicembre, 2017
“Parigi ha la chiave del cuor”
ErasmusStories
0

Il mio Erasmus parte da Gent e tocca l’Europa, rimpicciolendola a tal punto da poterla custodire in un trolley acciaccato ma coraggioso.

Ogni città ha una storia.

Ogni posto volti e sguardi.

Mi sono persa nelle vite altrui centinaia di volte.

Comincia con Parigi il racconto della mia piccola grande Europa. Parlo di luoghi ascoltando solo le loro parole.

 

Capitolo 1: Parigi

Ottobre bussa alle porte ma sui gradini del Sacre Coeure è fine estate.

I fianchi abbronzati non si arrendono e vogliono fare capolino dai jeans a vita alta. Un filo di vento riesce a infilare la sua mano timida e svelta tra la giacca di pelle: è un ragazzo al primo appuntamento che chiede di accarezzare una schiena ancora calda d’estate. Sorseggio scadente vino rosso in uno squallido bicchiere di plastica: è quello che stasera passa il convento ma va bene uguale. Sono stanca ma non demordo, il vento fanatico mi corteggia e mi da coraggio. Spettinata, mi affaccio al panorama. Ho Parigi ai piedi. Poco più in là, un ragazzo e una ragazza parlano tra loro. Ascolto e sto zitta, che siano gli altri a riempire la scena con i dialoghi: a me stasera va solo Parigi e il mio vino rosso.

 

 

“Vabè, ma cos’è che ti piace di questa cacchio di città dell’amore?”

“Guardala…è estesa, immensa. Ma riesci a coglierne i dettagli anche da lontano. La vedi quella boulangerie laggiù?”

“Ma che ne sai che sia proprio una boulangerie?”

“Lo immagino, scemo”.

Provo ad immaginare anch’io.

 

 

Immagino e vedo: persiane bianche, vinili, calici e profumo di caldo.

Coppie che ballano alle finestre e il mondo freddo e brutto che resta fuori.

Gentilezza ed eleganza. Poco calore, tanta armonia.

Donne in chignon e uomini in trench.

Bambini educati e vivacità distinta. Baci appassionati e caffè bollenti.

 

I ragazzi vicino a me sono diventati Monica Bellucci e Vincent Cassel. Brilla la Tour Eiffel nelle loro pupille dilatate.

Quando ho smesso di capire Parigi, l’ho sentita.

 

Ho sentito con timidezza le sue ferite e le sue resurrezioni. Ho cercato le sue sconfitte e le sue rese. Ho percepito la vittoria delle speranze sulle paure. Ho risentito il freddo del 13 novembre guardandola dall’alto.

 

 

Decido di fidarmi degli innamorati che si sussurrano per sempre, a loro affido la mia Parigi.

Che sia per sempre anche solo per una sera: ogni promessa, qui ed ora, è ancora intatta. Sorrido e butto giù un altro sorso: ogni imbecille incontrato nel tracciato non mi ha insegnato niente. Anzi, forse qualcosa sì: “viaggiare è come innamorarsi. Il mondo si fa nuovo”. Il giro del mondo posso farlo da sola.

 

 

Nicoletta Labarile

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1