In Italia 7 universitari su 10 vivono con i genitori. Colpa della crisi economica

19 Marzo, 2018
In Italia 7 universitari su 10 vivono con i genitori. Colpa della crisi economica
Università
0

I giovani studenti universitari italiani per la maggior parte vivono con la famiglia d’origine. A rilevarlo è l’ultimo rapporto condotto da Eurostudent sulle condizioni di vita degli studenti europei. I dati parlano chiaro: oltre sette studenti italiani su dieci vivono a casa con i genitori negli anni degli studi universitari, contro una media europea del 35% circa. L’Italia è al secondo posto, il gradino più alto del podio spetta a Malta. Un 2 ragazzo su 3 in Italia continua a vivere con mamma e papà, mentre la media europea si ferma a 1 studente su 3 e in Germania addirittura a circa 1 su 5.

Stando alla ricerca, la media si abbassa sensibilmente nei Paesi Nordici: in Finlandia, per esempio, ben il 35 per cento di ragazzi vive solo e con prole al seguito, in Francia e Germania il 21% degli studenti universitari vive stabilmente con il proprio partner mentre, come detto, in Italia la percentuale è di appena il 3%. Se in Germania il 54 per cento dei giovani universitari lavora regolarmente durante il periodo degli studi, il 29 per cento non lavora e un altro 17 per cento lavora occasionalmente, in Europa la media degli studenti lavoratori è del 35 per cento, con ulteriore 16 per cento che si accontenta di lavori saltuari. In Italia, invece, 76 studenti su 100 non lavorano, mentre solo l’11% si mantiene agli studi lontano da casa e pochi altri hanno accesso ai cosiddetti lavori saltuari o stagionali.

“Se molti meno studenti rispetto alla media europea smettono di vivere con i genitori, il problema – commenta Elisa Marchetti, dell’Unione degli universitari – senza dubbio è riconducibile alla situazione del diritto allo studio, come la condizione abitativa: in molte città universitarie gli affitti sono alle stelle, anche a causa di un’offerta pubblica quasi del tutto assente. E, in una situazione per cui le ore spese tra lezioni e studio individuale sono le più numerose d’Europa per gli studenti italiani svolgere contemporaneamente un lavoro è molto difficile. Questa situazione – conclude – ha ricadute negative sia per chi avrebbe la necessità di lavorare per mantenersi gli studi, sia per chi vuole inserirsi nel mondo del lavoro prima del termine del percorso universitario”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1