Francia, il programma delle università in lotta

4 Febbraio, 2020
Francia, il programma delle università in lotta
Università
0

Lo scorso fine settimana a Saint-Denis si è incontrato il coordinamento delle realtà universitarie e dei laboratori in mobilitazione. Questa è la mozione unitaria adottata dai presenti

Il coordinamento nazionale delle università e dei laboratori in lotta riuniti l’​​1 e 2 febbraio 2020 a Saint-Denis, insieme ad altri settori in lotta, ha riunito più di 750 student*, insegnanti e / o ricercator* appartenenti a 82 discipline, ingegneri, membri del personale amministrativo, tecnico, sociale, sanitario e bibliotecario (BIAT.O.SS, IT.A), precar* o di ruolo, provenienti da numerosi stabilimenti dell’Île-de-France e da altre 33 città, nonché da cinque paesi stranieri.

Nella continuità del movimento interprofessionale avviato il 5 dicembre, il coordinamento chiama a uno sciopero contro la riforma delle pensioni, la riforma dell’assicurazione contro la disoccupazione, la selezione universitaria (ParcourSup), l’aumento delle tasse di iscrizione e in particolare per gli studenti extraeuropei (Benvenuti in Francia), la riforma della formazione degli insegnanti e il Progetto di Legge di  Programmazione Pluriennale della Ricerca (LPPR), che, nello spirito della Legge sulla Trasformazione della Funzione Pubblica del 2019, completerà la distruzione del servizio di istruzione e ricerca pubblica.

Sappiamo che queste logiche neoliberiste non sono specifiche per il nostro settore. Colpiscono con violenza tutti i settori pubblici e si intensificano nei settori privati: concorrenza sistematica, superlavoro e lavoro gratuito, derive manageriali e autoritarie, perdita di senso del lavoro e della sua utilità sociale, maltrattamenti e sofferenza dei lavoratori come degli utenti, corsa alla redditività, declino della solidarietà, casualità, burocratizzazione, repressione, divisione internazionale iniqua del lavoro scientifico, discriminazione in base al genere, classe, razza, disabilità, nazionalità, età, orientamento sessuale e identità di genere, ecc. La precarietà strutturale e il deterioramento delle condizioni di lavoro, di studio e di vita, che colpiscono operatori e operatrici sia nel settore privato che in quello pubblico, stanno già influenzando il mondo accademico.

Infatti, l’università e la ricerca oggi fanno affidamento sul lavoro gratuito, sullo sfruttamento e sull’invisibilità di un gruppo di lavoratori:  membri del personale addetto alla manutenzione, alla sicurezza e alla ristorazione, i cui compiti sono in larga parte esternalizzati; personale tecnico e amministrativo; addetti alle pulizie e assistenti sociali; studenti; dottorandi e post-dottorati, docenti e ricercatori. Qui come altrove, questa precarietà, che colpisce principalmente e in modo più grave le persone appartenenti a gruppi discriminati, può provocare cattive condizioni abitative e malnutrizione, mancanza di accesso alle cure e alle necessità primarie, mobilità forzata, sofferenza mentale (esaurimento, depressione, ansia, ecc.).

Nonostante le dichiarazioni di intenti, questo pacchetto di riforme non offre alcuna soluzione a questa precarietà diffusa, ma, al contrario, la aggrava. La riforma delle pensioni, in un ambiente caratterizzato da carriere tardive e instabili, porterà a prolungare queste situazioni precarie dopo la fine del rapporto di lavoro. Con la riforma dell’assicurazione contro la disoccupazione, che ha come obiettivo i contratti a breve termine, insegnanti e ricercatori precari stanno vedendo peggiorare la loro situazione. La legge sulla programmazione pluriennale di ricerca (LPPR) in preparazione degraderebbe gli statuti e le condizioni di lavoro (contratto a tempo indeterminato, percorso di possesso, generalizzazione dei finanziamenti su invito a progetti …). La selezione all’ingresso e l’aumento delle tasse di iscrizione all’università deteriorerebbero ulteriormente lo studio e le condizioni di vita degli studenti, in particolare degli stranieri.

Contro questa visione neoliberista e autoritaria, contro la mercificazione della conoscenza, vogliamo un vero servizio pubblico per l’insegnamento e la ricerca, integrato nell’istruzione pubblica di qualità dall’asilo all’università, finanziato per soddisfare le sue esigenze grazie a un massiccio piano di investimenti fino all’1% del PIL per la ricerca pubblica. Contro la proliferazione di posti di lavoro precari, vogliamo un massiccio piano di stabilizzazione e la creazione di posti di lavoro stabili. Contro la precarietà degli studenti, vogliamo che sia previsto per loro un salario. Contro l’estrattivismo scientifico e la colonialità della ricerca e dell’insegnamento, vogliamo relazioni scientifiche e accademiche basate sulla condivisione e sulla co-costruzione della conoscenza, nonché sulla libera circolazione delle persone. Contro la concorrenza generalizzata, la logica dell’esclusione e della discriminazione, vogliamo un’università aperta a tutti, basata sulla cooperazione, che produca emancipazione collettiva e giustizia sociale.

Fino a quando tutte queste riforme non verranno ritirate, continueremo la lotta a fianco di molti altri settori, mobilitandoci nell’istruzione e nella ricerca, come nelle azioni interprofessionali. Condanniamo assolutamente la brutalità della polizia e la repressione che stanno investendo i movimenti sociali, in quanto colpiscono già i più vulnerabili e i più discriminati. Di fronte all’ostinazione e alla violenza da parte del governo, chiediamo di continuare ed estendere lo sciopero a oltranza nell’istruzione e nella ricerca!

QUESTA MOZIONE È APPROVATA ALL’UNANIMITÀ DEI/DELLE VOTANTI CON TRE ASTENUTI.

Programma di mobilitazione stabilito dal coordinamento nazionale di facoltà e laboratori in lotta (Facs et Labos en lutte) riunito l’1 e 2 febbraio 2020 a Saint-Denis:
– 5 febbraio: azioni e manifestazioni per celebrare i due mesi di mobilitazione (in occasione di una mobilitazione specifica del servizio pubblico)
– 6 febbraio: Cortei di facoltà e laboratori in lotta nelle manifestazioni interprofessionali
– 11 febbraio: giornata di mobilitazione sulla precarietà, su invito dell’assemblea generale nazionale dei precari, con la creazione di picchetti di fronte a facoltà e laboratori.
– 17 febbraio: cortei di facoltà e laboratori in lotta negli eventi interprofessionali o realizzazione di azioni nei campus, secondo i contesti locali
– 5 MARZO: “L’UNIVERSITÀ E LA RICERCA SI FERMANO”  – il nostro obiettivo comune: nessuna università o laboratorio in funzione
– 6 e 7 marzo: secondo coordinamento nazionale di facoltà e laboratori in lotta
– 8 marzo: cortei di facoltà e laboratori in lotta per mobilitazioni e scioperi femministi

Il coordinamento nazionale invita all’organizzazione di assemblee generali locali (di laboratori, dipartimenti, UFR – unità di formazione e di ricerca e università; categorie di utenti e lavoratori) al fine di organizzare lo sciopero, in particolare grazie alle modalità d’azione seguenti.

Ecco l’elenco delle varie proposte d’azione delle assemblee generali e dei seminari del coordinamento nazionale dell’1 e 2 febbraio 2020.

Proclamazione di uno sciopero reale ed efficace:

  • Bloccare e denunciare tutte le sanzioni pedagogiche e disciplinari nonché le pressioni gerarchiche contro studenti delle scuole superiori, studenti e lavoratori mobilitati.
  • Porre fine alle ore di straordinario per tutti i lavoratori.
  • Incontrarsi in riunioni intercategoriali, interdisciplinari, tra diverse componenti e laboratori per discutere della mobilitazione.

Invitare insegnanti e ricercatori di ruolo a:

  • smettere di insegnare e dedicare tutto il tempo alla mobilitazione
  • rifiutare di organizzare gli esami, modificando le regole di controllo della conoscenza, se necessario.
  • Rifiutarsi di attribuire i voti e cessare tutte le forme di valutazione.
  • Non rendere pubbliche le presentazioni degli insegnamenti
  • rifiutare di partecipare alle commissioni semestrali.
  • interrompere tutte le attività di ricerca (campi, esperienze, elaborazione dei dati, scrittura, ecc.).
  • interrompere l’attività delle riviste scientifiche.
  • annullare l’organizzazione o la partecipazione a tutti gli eventi e le riunioni scientifiche.
  • sospendere tutte le richieste di documenti o contributi fino a nuovo avviso.
  • assicurare il lavoro di supervisione della ricerca solo in risposta a richieste esplicite degli studenti o dei dottorandi interessati.
  • rifiutare di assumere lavoratori temporanei per il prossimo anno scolastico.
  • rifiutare qualsiasi contratto legato a una missione specifica, troppo breve e abusivamente precario; richiedere invece contratti di lavoro formali.
  • partecipare alla raccolta dei fondi a sostegno dello sciopero, in particolare rimborsando i giorni dei salari quando non vengono prelevati.
  • bloccare ParcourSup (per la selezione e l’inscrizione degli studenti)
  • rifiutare di partecipare alle correzioni e alle commissioni del diploma di maturità e a tutte le competizioni di educazione nazionale.
  • interrompere la gestione dei contratti.
  • boicottare e dimettersi dai sistemi di valutazione (HCERES, ANR, ecc.).
  • dimettersi dalle responsabilità collettive.

Azioni di pressione e visibilità:

  • Inviare in modo massiccio articoli aleatori a riviste predatorie.
  • Realizzare un mini-memo con i diritti e la spiegazione delle riforme.
  • Effettuare sessioni di mobilitazione con gli studenti.
  • Far firmare un accordo individuale per bloccare tutto.
  • Firmare le pubblicazioni “Università pubblica” o “Servizio pubblico per l’istruzione e la ricerca”.
  • Fatturare l’orario di lavoro dell’ANR e inviarlo all’ANR.

Per la mobilitazione interprofessionale:

  • Organizzare e guidare università permanenti aperte e popolari.
  • Raggiungere e partecipare attivamente alle azioni interprofessionali.

Per una mobilitazione inclusiva e unitaria:

  • Realizzare azioni legali e unitarie per lavorator* e student* stranier* nell’istruzione e nella ricerca.
  • Realizzare azioni legali e unitarie per chi ha subito repressioni nel movimento.
  • Opporsi ai controlli sui permessi di soggiorno per student* nelle università.
  • Denunciare ogni discriminazione nelle procedure di assunzione in Francia.

Il coordinamento nazionale chiede inoltre che le assemblee generali locali decidano collettivamente sulle seguenti rivendicazioni per inviare su questi punti dei delegati al prossimo coordinamento nazionale di facoltà e laboratori in lotta che si terrà il 6 e 7 marzo 2020.

Ecco l’elenco delle varie proposte di rivendicazioni uscite dalle assemblee generali e dai seminari del coordinamento nazionale dell’1 e 2 febbraio 2020.

Il ritiro delle seguenti riforme e progetti di riforma:

  • Riforma delle pensioni.
  • Riforma del regime di sussidio di disoccupazione.
  • Selezione universitaria (ParcourSup).
  • Aumento delle tasse di iscrizione, in particolare per gli studenti extraeuropei (“Bienvenue en France”).
  • Progetto di legge sulla programmazione pluriennale di ricerca (LPPR).
  • Legge sulla trasformazione del servizio pubblico.
  • Riforma della formazione degli insegnanti.

Per un mondo della ricerca e un’università egualitaria e non discriminatoria:

  • Porre fine alla discriminazione in materia di assunzioni e stabilire la parità in termini di remunerazione e responsabilità.
  • Abrogare i criteri di nazionalità per l’accesso a studi, lavoro e finanziamenti.
  • Garantire a tutti gli studenti stranieri il diritto di studiare in sicurezza amministrativa e legale (rinnovo del permesso di soggiorno per tutta la durata degli studi).
  • Garantire un visto a tutti i ricercatori stranieri.
  • Imporre l’effettivo rispetto del diritto di utilizzare un nome d’uso.
  • Sviluppare programmi per accogliere studenti e ricercatori a rischio nei loro paesi di residenza.
  • Avere rappresentanti di tutti i membri dell’istruzione e della ricerca (precari, studenti, ecc.) In tutti gli organi decisionali.
  • Applicare sanzioni reali contro i colpevoli di molestie sessuali e / o morali.
  • Istituire asili nido gratuiti in università e istituti di ricerca.
  • Reclutare operatori sanitari e assistenti sociali.

Per il miglioramento delle condizioni di lavoro e di studio nell’insegnamento e nella ricerca:

  • Un’università libera per tutti e aperta a tutti.
  • Rispetto del diritto del lavoro.
  • Remunerazione per tutte le attività invisibili svolte da lavoratori amministrativi, tecnici e ingegneri (BIAT.O.SS e ITA), insegnanti e / o ricercatori precari, studenti.
  • L’immediata rivalutazione delle borse di studio e l’istituzione di uno stipendio per tutti gli studenti.
  • La fine del subappalto e il reinserimento dei servizi esternalizzati nelle nostre istituzioni.
  • La rivalutazione delle griglie salariali di tutte le categorie di lavoratori e l’aumento dell’indice (congelato per 10 anni con un ritardo del 17%).
  • L’allineamento immediato degli stipendi dei non strutturati a quelli dei dipendenti strutturati.
  • Un massiccio piano di assunzioni e di strutturazione in tutte le categorie di educatori e ricercatori, secondo lo statuto di dipendente pubblico e nel rispetto delle griglie salariali.
  • La strutturazione di tutti i dipendenti a tempo determinato che occupano funzioni stabili.
  • Allineamento dei bonus al resto del servizio pubblico per tutte le categorie di lavoratori e trasformazione dei bonus in indennità a lungo termine.
  • La fine dei bonus al merito.
  • Duplicazione sistematica di TD (Travaux dirigés – una tipologia di insegnamento) con più di 30 studenti.
  • Una vera formazione continua in pedagogia (con un orario di lavoro riservato a questo) per tutti gli insegnanti.
  • Il passaggio a 128 ore di insegnamento frontale per gli insegnanti, al fine di liberare tempo per la supervisione degli studenti, la riflessione sulla pedagogia e la ricerca, nonché per la condivisione del lavoro tra più insegnanti.

Per una ridistribuzione egualitaria dei budget per la ricerca:

  • L’abolizione del credito d’imposta per la ricerca.
  • La soppressione dell’ANR.
  • L’abolizione dell’HCERES.
  • La rimozione dell’IUF.
  • La chiusura di Idex, Labex e altre strutture di “eccellenza”.
  • La garanzia che ciascun ente finanziatore sia composto dalla maggioranza dei funzionari eletti.
  • La ridistribuzione egualitaria dei budget delle diverse agenzie, raggiungendo i 14.000 euro all’anno per lavoratore.
  • Gestione collettiva nei laboratori di tutti i finanziamenti.
  • Il rifiuto della logica di valutazione individuale generalizzata, in particolare per BIAT.O.SS e ITA che sono già soggetti ad essa.

Per un servizio pubblico di pubblicazione della ricerca :

  • Rifiutare la bibliometria come strumento di valutazione.
  • Difendere la scienza aperta e la libera diffusione del lavoro di ricerca

Coordinamento nazionale delle facoltà e dei laboratori in lotta riuniti l’1 e 2 febbraio a Saint-Denis

Articolo originale pubblicato su universiteouverte, traduzione a cura di dinamopress

Foto di copertina tratta dalla pagina Facs et labos en lutte

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1