Ricerca: ci si può ammalare due volte di Coronavirus. Lo Spallanzani sperimenta il vaccino

25 Agosto, 2020
Ricerca: ci si può ammalare due volte di Coronavirus. Lo Spallanzani sperimenta il vaccino
Ricerca
0

La prima volontaria è una 50enne, vaccinata allo Spallanzani di Roma stamattina: “Credo nella scienza italiana. Spero che le persone siano più responsabili”. ReiThera può produrre milioni di dosi, le prime in primavera. Il ministro Speranza: “Intelligenza e ricerca dell’Italia al servizio della sfida mondiale contro il Covid. “Ippolito: “Con un nostro vaccino eviteremo di essere schiavi di altri paesi”.

Una donna di Roma di 50 anni è la prima dei 90 volontari che da stamattina riceveranno il vaccino tutto italiano contro il coronavirus, messo a punto dall’azienda ReiThera. La sperimentazione è guidata dall’Istituto Spallanzani di Roma. “Ho voluto fare questa scelta perché devo andare all’estero per lavoro, nel Golfo Persico”, è stata la sua spiegazione. “Credo nella scienza italiana. Spero che questo mio gesto serva, e spero che le persone siano più responsabili”, ha detto la 50enne, che preferisce non rendere pubblici nome e cognome e deve restare in osservazione per 4 ore dopo l’iniezione. “Le intelligenze e la ricerca del nostro paese sono al servizio della sfida mondiale per sconfiggere il Covid” ha commentato il ministro della Salute Roberto Speranza.

Il vaccino di ReiThera è nella prima fase di sperimentazione, quella che controlla la sicurezza ed è limitata a 90 volontari. Se i test verranno superati, le prime immunizzazioni avverranno in primavera. L’azienda ha una capacità produttiva di milioni di dosi e ha annunciato che darà la priorità all’Italia per la distribuzione. “Se tutto andrà per il meglio e termineremo questa sperimentazione entro l’anno, potremmo avere il vaccino in primavera su base commerciale” ha detto Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani. “Ci auguriamo di poter avanzare nella sperimentazione internazionale di fase due e tre entro la fine dell’anno” ha aggiunto Antonella Folgori, Ceo di Reithera.

Coronavirus, al via test vaccino allo Spallanzani; l’appello di Zingaretti: “Servono comportamenti responsabili”

I candidati alle sperimentazioni erano stati 5mila. Sono stati scelti solo quelli in perfetta salute: dopo la somministrazione, verranno sottoposti a 8 visite nell’arco di 7 mesi per controllare che non si presentino effetti collaterali. Metà dei 90 volontari hanno tra i 18 e i 55 anni, l’altra metà ne ha più di 65. Testare un vaccino in questa fascia di età è poco comune, in una fase uno. Parte dei test avverranno al Policlinico Rossi di Verona. Il vaccino usa la tecnica del vettore virale, o del “cavallo di Troia”. I ricercatori di Castel Romano hanno isolato negli anni passati un adenovirus di gorilla: virus che negli animali provoca un raffreddore, ma che viene comunque inattivato prima dell’inoculazione nell’uomo. È stato scelto il primate perché il nostro sistema immunitario non riconosce i suoi microbi e non li distrugge, lasciandoli circolare nel corpo per un tempo sufficiente a rendere efficace il vaccino. Nel Dna del virus del gorilla i ricercatori hanno aggiunto una sequenza artificiale, che corrisponde alla proteina spike del coronaviru. Quando l’adenovirus del gorilla infetta le nostre cellule, la sequenza artificiale ordina loro di produrre anche la proteina spike: la caratteristica punta della corona del microrganismo. Sarà la spike a stimolare il sistema immunitario e a creare una memoria che consentirà alle nostre difese, in caso di contagio con il Sars-Cov-2 vero e proprio, di scattare in modo rapido e robusto.

Coronavirus, al via la sperimentazione del vaccino 100% italiano. Viaggio nei laboratori alle porte di Roma

Lo stesso metodo del vettore virale è adottato dall’altro vaccino che vede una partecipazione italiana: quello di Oxford. Il brevetto è inglese, la produzione su larga scala è affidata alla multinazionale britannica AstraZeneca, ma la biotech Irbm di Pomezia si è occupata della fabbricazione per la fase sperimentale. Il vaccino di Oxford è uno dei più avanzati al mondo: è già nella fase tre delle sperimentazioni, che sono in corso oltre che in Gran Bretagna, anche in Brasile e Sudafrica, paesi scelti perché i contagi sono molto sostenuti. La produzione – nonostante la fine dei test sia prevista per la fine dell’anno – è già partita in Gran Bretagna, India e Stati Uniti. Il presidente americano Donald Trump crede molto nel vaccino di Oxford (anche per ragioni elettorali), tanto da volerlo inserire in una procedura di fast track, cioè di autorizzazione rapida, in modo da ricevere le prime dosi prima delle elezioni per la Casa Bianca di novembre. Dopo la Russia, che ha annunciato l’autorizzazione di un vaccino prodotto in casa, ma i cui dati non sono stati mai pubblicati e della cui efficacia non si sa nulla, oggi anche la Cina ha annunciato l’inizio delle somministrazioni del proprio vaccino su categorie di lavoratori a rischio, come gli operatori sanitari e le guardie di frontiera.

La corsa all’immunizzazione non avviene solo nei laboratori, dunque, ma anche nei governi. ReiThera dal canto suo ha iniziato a lavorare a gennaio con fondi completamente interni. Per la fase di messa a punto del suo candidato ha speso 4-5 milioni, ma per portare avanti le sperimentazioni ha ricevuto sostegno dalla Regione Lazio (5 milioni) e dai ministeri della Salute e dell’Università (3 milioni). “Il vaccino italiano sarà pubblico e a disposizione di tutti coloro che ne avranno bisogno” ha detto il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, salutando l’inizio delle sperimentazioni. “Crediamo molto nel vaccino come bene comune”. Il direttore dello Spallanzani Giuseppe Ippolito ha aggiunto: “Avere un vaccino italiano ci permetterà di non essere schiavi di altri paesi che diranno “vengo prima io”. Per la sperimentazione serviranno 24 settimane. Il nostro è un protocollo scrupoloso, che garantirà la massima sicurezza. Giocare sui tempi e ridurre la sperimentazione non è utile”.

Il metodo dei vettori virali è relativamente nuovo nel campo dei vaccini. Ma è quello che più coniuga l’efficacia e la rapidità di produzione. E’ stato scelto da Oxford, dall’americana Johnson&Johnson e dai cinesi di CanSino. L’azienda di Castel Romano proprio in questi giorni sta allargando la propria officina farmaceutica per poter fare fronte alla necessità di produrre milioni di dosi, dando priorità al nostro paese.

Comments are closed.

UA-37172975-1