Lo YIF vince la sfida digitale. Migliaia i giovani collegati sul canale streaming Natlive. Berriola: il Recovery fund per formare bene i ragazzi

9 Ottobre, 2020
Lo YIF vince la sfida digitale. Migliaia i giovani collegati sul canale streaming Natlive.  Berriola: il Recovery fund per formare bene i ragazzi
HomePage
0

“Cresce il bisogno di orientamento di stampo informativo, ma anche motivazionale, i giovani chiedono un maggior sostegno, specie in questo momento storico”, è quanto affermano i tutor di “Italia Education”, che hanno svolto durante lo “Young International Forum” oltre 1400 colloqui da remoto. “Siamo partiti dai percorsi di scelta dei nostri giovani e li abbiamo messi in discussione insieme, in particolare per gli studenti alle prese con il post diploma, siamo andati a specificare il tipo di corso e le materie che avrebbero potuto stimolarli più efficacemente; quello che è emerso dai colloqui è anche il bisogno dei nostri ragazzi di trovare nuovi punti di riferimento”. Tanti poi i giovani che hanno effettuato i colloqui in orario extra scolastico: “Chiaro segnale della reale necessità che i ragazzi hanno di approfondire e capire come funzionerà il domani: l’università, il lavoro, ma non solo”, dicono gli esperti della “Fondazione Italia Education”

Molti i dubbi anche sul come presentarsi attraverso un curriculum vitae e come tenere un colloquio di lavoro: “Qual è la differenza con la lettera di presentazione? cosa mi chiederà il selezionatore? come mi devo vestire?” Sono solo alcune delle tante domande poste ai relatori durante i seminari tenuti sul canale live streaming del Salone. Una nota inattesa e dal color rosa, è stata la partecipazione di tantissime ragazze al workshop dedicato al mondo dell’impresa e delle startup con Pierfrancesco Sanchirico, manager di Ernest e Young che ha tracciato gli scenari futuri del mercato o meglio dei mercati, “senza la conoscenza dei quali è impossibile immaginare di intraprendere qualunque attività imprenditoriale”, e si è soffermato sulle qualità da allenare per fare impresa, fra cui: “saper scegliere e avere un team unito, diversificare le competenze, dimostrare flessibilità e capacità di empatia, una buona base per il successo per ogni startup”. Il tema delle Competenze, in particolare quelle trasversali, è stato affrontato da Clara Pillitteri, direttore risorse umane della Ernst & Young: “Le soft skills oggi fanno davvero la differenza rispetto alle hard skills tecniche, che tendono ad essere velocemente obsolete. Oggi empatia, curiosità e teaming in particolare non potranno mai essere sostituite da una macchina”.

Voglia di Estero

Nonostante la pandemia globale la voglia di studiare o fare un’esperienza all’estero è ancora molto forte. “Come sono strutturati i corsi? Quale livello linguistico certificato bisogna avere? Quali sono e come si può accedere alle borse di studio? Quali sbocchi lavorativi e come sono strutturati i crediti?”. Centinaia le domande arrivate alla piattaforma digitale durante le presentazioni del German Academic Exchange Service (DAAD), del programma FulBright per studiare negli Stati Uniti e durante i colloqui con l’ente tedesco per gli scambi culturali. Cresce sempre di più l’interesse per i lavori che già oggi sono richiesti in campo del digitale e di internet, come web analytics, business analytics, online content, social media marketing, strategic planning, reputation manager.

Il piano Giovani di Officine Italia

In live streaming i ragazzi di Officine Italia, una realtà giovane formatasi proprio durante il lockdown primaverile e che raggruppa decine di associazioni giovanili, ha presentato al Governo il Piano Giovani sull’uso dei fondi del Next Generation EU. Un dibattito corposo a cui hanno dato il loro contributo l’ex ministro Enrico Giannini e il professor Alessandro Rosina, dell’Università Cattolica di Milano. Tra i vari temi toccati l’introduzione di reali servizi all’infanzia per le giovani coppie ed incentivi ai contratti per i giovani. Nella giornata conclusiva presentato il bando di ‘Officina Pasolini’ della Regione Lazio, che darà la possibilità a 90 giovani under 30 di studiare gratuitamente per due anni musica, arte e multimedialità.                    

“Il confronto di questi giorni ha messo in evidenza quanto sia indifferibile l’esigenza di una ristrutturazione del sistema istruttivo/formativo” ha dichiarato Mariano Berriola, presidente di Italia Education, la Fondazione che ha curato i contenuti dello YIF – “inutile continuare a fornire al mercato del lavoro giovani che non sanno come comportarsi, come relazionarsi ai contesti lavorativi e come risolvere i tanti problemi quotidiani che caratterizzano la vita aziendale. I soldi del Recovery fund sono la grande occasione per investire nel cambiamento” ha concluso Berriola.

La carovana di Italia Education si sposterà da Roma a Napoli con l’appuntamento per Orientasud , il Salone delle Opportunità, che si svolgerà dal  4 al 6 novembre 2020”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

UA-37172975-1